Sei all'interno di >> GiroBlog | Quisquilie & pinzellacchere |

Q&P n. 168 -"Sono un centinaio di fascisti disperati...’’

di Franco Novembrini - mercoledì 20 ottobre 2021 - 734 letture

La frase che mi ha spiacevolmente colpito in una intervista all’ottimo scrittore ex lottacontinuista Erri De Luca sulla la devastazione della sede della CGIL di Roma è questa: "Sono un centinaio di fascisti disperati...’’. E no caro Erri gli esecutori del vandalico assalto sono effettivamente un centinaio ma che dire del migliaio di persone che applaudiva e riprendeva la scena dell’attacco con i cellulari alla sede del maggior sindacato italiano, ora diretto da Landini, un personaggio che somiglia molto ai dirigenti alla Di Vittorio per onestà e decisione. Anche durante la nascita delle bastonature del 1921 i fascisti erano pochi ma molti erano coloro che videro i pestaggi e gli omicidi e non intervennero. Pensa che alla Confindustria ed in altre sedi, comprese quelle di certi pseudo partiti personali e di quello partito oscuro che chiamo Q2, la Q sta per Quirinale, si siano stracciate le vesti e crede altresì che certe solidarietà espresse obtorto collo siano sincere? Io ho molti dubbi e ritengo che il segnale sia, per l’obiettivo scelto e per il momento favorevole, vista anche la mancanza di intervento preventivo della Polizia, siano simili ai fatti di Genova di 20 anni fa.

Certo non parlo della scuola Diaz e di Bolzaneto, ma di misteriose frange chiamate Black block che fecero grandissime devastazioni praticamente indisturbati, accompagnati da una banda musicale, che sono rimasti sconosciuti e, soprattutto, impuniti. La Polizia per esempio non ha esitato a caricare con manganelli e idranti dei contestatori no vax al porto di Trieste dimostrando una animosità spropositata. chissà perché. Dei Black block da anni non se ne sente più parlare, a loro si sono sostituite varie sigle del neofascismo nostrano che usano il razzismo, l’antisemitismo, la lotta ad un immaginario comunismo, l’omofobia e tutto il ciarpame del Ventennio per aizzare frange di popolazione facendogli credere che il nemico e i colpevoli della loro miseria siano loro. La cosa preoccupante è che malgrado le leggi e la Costituzione che ne vietano la diffusione e la rinascita si parla sempre di fascismo. Possono offendere la Costituzione, mettere alla berlina una anziana senatrice che ha avuto la famiglia distrutta dai nazifascisti, senza che nessuno di loro corra pericolo di essere se non arrestato almeno duramente sanzionato. Rischierebbero di più con una denuncia per stalking.

Ora questi piccoli Goebbels stanno sfruttando il movimento dei Kretin vax, come hanno fatto anni fa quando marciarono su Roma per sostenere la ridicola "cura Di Bella’’ , al grido "somatostatina gratis per tutti’’. Non ricordate? Facemmo ridere mezzo mondo, ma alcuni caporioni della destra nostrana ci hanno fatto carriera. Non ci trovate delle somiglianze alla pretesa di avere, temponi gratis per tutti, facendo con questa scelta fare affari d’oro alle case farmaceutiche che loro accusano di essere parte di un complotto mondiale. Nessuno pensa che vaccinarsi costa pochi euro e dura mesi e forse anni, mentre il tampone al massimo due giorni. Che cosa preferiranno le multinazionali del farmaco?

Ho motivo di pensare che anche la tv abbia le sue colpe in quanto ci sono programmi cnei quali si sostiene che il tale medicinale è valido sia come callifugo che come antitumorale e che dire poi di certi personaggi che personaggi che, pagati addirittura, fanno previsioni antiscientifiche che parlano di allineamento dei pianeti e che se hai Saturno contro sei nei guai. Ricordo che nel 2019 i più famosi di loro predicevano che sarebbe stato un anno di grandi viaggi e a dire il vero ci presero, perché molti italiani fecero davvero un ultimo viaggio. Gilberto Govi in una sua commedia diceva di dirigere una agenzia viaggi di nome ATUD, cioè Agenzia trasporti ultima dimora.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -