Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni |

Miral

Regia di Julian Schnabel. (Fra-India-Isr-Ita, 2010, 112 min.) Dramm. Con Hiam Abbass, Freida Pinto, Willem Dafoe, Vanessa Redgrave.

di Orazio Leotta - sabato 4 settembre 2010 - 4922 letture

Tratto dall’omonimo romanzo autobiografico (pubblicato da Rizzoli) del 2003 di Rula Jebreal, scrittrice e giornalista di LA7, il film ripercorre le esperienze di vita patite dalla protagonista, dalla tormentata infanzia, in cui assiste allo stupro della madre, alla necessità del padre di “consegnarla” all’Istituto Dar Al-Tifel (cosa che risulterà determinante per il futuro della giovane Miral), dall’attivismo politico, all’ottenimento di una borsa di studio per l’Italia che le consentirà di diventare un volto noto della televisione. L\'autrice de libro da cui è stata tratta la storia Film sull’amore, questo di Schnabel (compagno nella vita della Jebreal), sulla tolleranza, sulla forza dell’educazione, veicolo indispensabile per arrivare alla pace.

La storia si svolge in una terra grande e con problemi grandi (la zona di Gerusalemme in cui convivono musulmani, ebraici e cristiani), ma la protagonista è una ragazzina piccola che però ha avuto la fortuna soprattutto di imbattersi in figure femminili molto importanti fra cui una grande maestra di vita, la sua insegnante Hind Husseini, che la condurrà sulla strada giusta. Hiam Abbass Schnabel punta l’attenzione, non a caso, sul ruolo delle donne, che in tutti i conflitti (Kossovo, Irak etc..) sono, insieme ai bambini, quelle a pagare di più, anche per la mancanza di libertà nelle scelte, nonchè per la mancanza di basi formative. Ecco, che figura centrale della storia, oltre alla giovane protagonista (Freida Pinto) è senza dubbio Hind Husseini, una sempre all’altezza Hiam Abbass, che trovandosi al cospetto di 55 orfani sbandati, li accoglie nella sua grande casa offrendo loro i primi sostentamenti e le basi per una educazione scolastica e di vita di stampo pacifista.

Ad essi se ne aggiungeranno sempre di nuovi fino a giungere a più di un migliaio. Un film per la pace, che ha come obiettivo quello di cambiare il cuore della gente e di informare tutti coloro che poco sanno su ciò che avviene quotidianamente in Palestina.

Senza dimenticare come gli accordi di Oslo del 1993 relativi al controllo di Cisgiordania e della striscia di Gaza da parte della Palestina, sono di fatto tutt’ora rimasti disattesi.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -