Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni |

Foxtrot - La Danza del Destino


Regia di Samuel Maoz. Un film con Lior Ashkenazi, Sarah Adler, Yonatan Shiray, Gefen Barkai, Dekel Adin, Shaul Amir. Titolo originale: Foxtrot. Genere Drammatico - Israele, Germania, Francia, 2017, durata 113 minuti. Uscita cinema giovedì 22 marzo 2018 distribuito da Academy Two.
domenica 1 aprile 2018 , Inviato da Orazio Leotta - 616 letture

TRAMA. Bussano alla porta. La padrona di casa apre e si trova davanti un militare. Quest’ultimo le annuncia la morte del figlio (soldato) durante l’adempimento del suo dovere. Tale notizia sconvolgerà la vita della famiglia e farà piombare la bella casa di Tel Aviv in cui vivono i protagonisti nell’angoscia più totale.

Spazio, tempo, sguardo e suono: è questa l’idea di cinema che Samuel Maoz profonde nella sua opera seconda “Foxtrot” aggiudicatasi il Leone d’argento – Gran Premio della Giuria alla 74.ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Al suo primo tentativo, nel 2009, il regista israeliano si era addirittura aggiudicato il premio più ambito, il Leone d’oro col claustrofobico “Lebanon” tutto ambientato all’interno di un carro armato durante un’azione militare. Anche “Foxtrot” fa i conti con l’Israele militarizzato (ne traspare evidente la polemica e il sarcasmo di Maoz a tal riguardo), con le tensioni che i soldati sopportano durante le loro missioni (come ad esempio Jonathan, uno dei protagonisti), ma anche con quelle patite dai familiari a casa (leggi Michael e Dafna, genitori di Jonathan).

Costruito come una tragedia greca in tre atti in cui viene ribaltata la comune percezione del concetto di destino, “Foxtrot” parla di un ballo in cui, come ricorda uno dei personaggi del film, si finisce sempre al punto di partenza metafora dell’ineluttabilità della tragedia. Ma parla anche di una postazione militare di frontiera le cui sequenze si rivelano agli spettatori come scioccanti, ipnotizzanti e al contempo commoventi.

Foxtrot-Samuel-Maoz

Il tutto condito da primi piani, l’uso di carrelli circolari volti a cogliere la sofferenza negli occhi dei protagonisti (specie nel caso di Michael e Dafna, i coniugi a casa) con frequenti inquadrature dall’alto verso il basso al punto che i personaggi del film (in primis Jonathan ed il resto della pattuglia impegnata al posto di blocco) appaiono come fossero schiacciati dal peso del Fato.

Sceneggiatura rigida intrisa dei concetti di fondo del cinema e della letteratura israeliana quali il senso di colpa, le scelte sbagliate e gli errori nella loro ereditarietà, ma anche con un tocco di surrealismo che permea il secondo atto.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica