Le ragioni della protesta

Gli autotrasportatori, specie in Sicilia, hanno sciupato tutto con la loro stupida propensione ai blocchi stradali.
di Antonio Carollo - lunedì 30 gennaio 2012 - 3531 letture

La correzione di rotta di diversi osservatori, che hanno visto immediatamente mafia e poteri forti dietro la rivolta del movimento dei forconi, ci voleva. Le ragioni della protesta sono fondate. Come si fa a negare le disperate condizioni degli agricoltori? Ma anche di pescatori e autotrasportatori? Gli studenti hanno avuto il fiuto fino, si sono subito accodati. Anche loro hanno fior di ragioni. Gli autotrasportatori, specie in Sicilia, hanno sciupato tutto con la loro stupida propensione ai blocchi stradali. Hanno in mano dei mastodonti e credono di poter osare tutto. Il Governo su questo deve avere il pugno di ferro. La pacifica manifestazione di ieri ha chiarito la situazione. Le categorie in agitazione e gli studenti devono essere ascoltati. Monti ha lasciato fare, un po’ troppo , una settimana di paralisi per una regione economicamente molto fragile è pericolosa. Ma adesso ha accolto quasi tutte le richieste avanzate da Lombardo. Realismo, non preoccupazioni elettoralistiche. La sinistra ha sbagliato clamorosamente bersaglio. Ha fatto un grazioso dono ai movimenti populisti e reazionari. Ivan Lo Bello ha perso un’occasione per tacere; ha dovuto fare marcia indietro. La mania del retropensiero contribuisce a creare confusione e a sviare dalle giuste soluzioni. Una protesta, anche se fatta al di fuori di certe regole, può essere ugualmente giustificata e degna di attenzione.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -