Sei all'interno di >> :.: Culture | ParoleRubate | Racconti |

Acqua e Fuoco

Da un lato il fuoco, dall’altro l’acqua.
di Valerio Contarino - martedì 13 gennaio 2009 - 3317 letture

Vago per le strade della mia città. L’aria è più pura del solito: già è domenica. La città dorme ancora, o meglio tutti coloro che tutti gli altri giorni inondano le sue vie.

Da un lato il fuoco, dall’altro l’acqua.

Fra questi due elementi solo nero. Il nero che mi protegge, mi fa sentire bene, anche se a volte una voce dentro me grida inquieta, quasi volesse manifestare il suo malessere. Ma quale malessere? Intanto urla, si dispera il mio animo. Un occhio al fuoco, un altro all’acqua. Un doppio sguardo, una carezza, tanti gesti di affetto. La voglia di non separarsi mai. Un legame forte.

Da un lato il fuoco, dall’altro l’acqua.

Giorni intensi, attimi fuggenti. Il fuoco riesce a starmi come il fiato sul collo. Si spezza l’equilibrio. L’urlo diventa più angoscioso, più forte. Spezza le membra ed esce fuori.

Squilla il telefono. Ghiaccio. Immagini, pensieri, frammenti di ricordi. Tutto si sovrappone. Rapidamente il fuoco perde la sua potenza, sembra volersi spegnere : l’acqua sta per sommergere tutto.

Da un lato il fuoco, dall’altro l’acqua.

Dolci note ricoprono l’urlo incessante adesso placato. L’acqua cessa di scorrere. Torna al suo posto. La lieta melodia riesce a curare l’ira dell’animo. Lo culla, lo quieta per poi sorreggerlo.

L’equilibrio è nuovamente tornato. Tutto dentro me sembra essere tornato a funzionare. Quel nero mi protegge ancora , le note della dolce melodia consolano l’animo afflitto mentre le onde del mare si abbattono sugli scogli un tempo fuoco.

Da un lato il fuoco, dall’altro l’acqua


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -