Sei all'interno di >> :.: Girodivite Network | Cartamenù | Ricettario |

Zucchine ripiene

Tipica ricetta messinese per cucinare la "cucuzza longa", un piatto cult dei paesi della riviera jonica.

di Orazio Leotta - domenica 22 agosto 2010 - 10972 letture

Un antico proverbio siciliano, denigratore di questo frutto della terra di Sicilia, recita "Falla come voi, sempre cucuzza è". E’ un modo folcloristico per indicare quelle cose che, pur con tutti gli accorgimenti utilizzati per migliorarle, mantengono inalterate le loro originarie nature povere.

I proverbi sono stati scritti per essere smentiti, ed anche questo non sfugge a questa severa regola. Le massaie siciliane, e in modo particolare, quelle delle famiglie che vivono sulla Riviera Jonica, quella lingua di terra che va dalla città di Messina verso Catania, stretta tra mare e collina, hanno trasmesso alle nuove generazioni i segreti della così detta cucina povera, ma che in questi ultimi decenni, sta prepotentemente, conquistando le tavole dei più esigenti.

Tra le tante, vogliamo regalare ai lettori, un’antica ma sempre accattivante ricetta che ha come ingrediente principe la zucchina lunga, o a serpente; quella che in Sicilia e nel sud Italia in genere, è conosciuta con il nome di "cucuzza longa".

zucchine_ripiene

Ingredienti: 1 zucchina lunga, meglio se di grande diametro, mollica di pane, parmigiano reggiano grattugiato o pecorino, provoletta tipo Galbanino, prosciutto cotto, capperi, sale, uovo sodo, basilico, olio.

Tagliare a metà perpendicolarmente la zucchina e poi a tronchetti, di misura regolare e a proprio piacimento. Scavare le sezioni togliendo completamente i semi.

Amalgamare la mollica, il parmigiano reggiano grattugiato, la provoletta, il prosciutto cotto a pezzetti e i capperi, aggiungendo in più fasi l’olio fino ad ottenere un impasto morbido ma non troppo liquido.

Al composto ottenuto, aggiungere un uovo sodo sbriciolato (in alternativa va bene anche cucinarlo strapazzato), il basilico e un pizzico di pepe nero.

Ungere una teglia con un po’ d’olio, sistemare uno strato di pomodori a pezzetti, meglio se pomodorini tipo Pachino o a “Scocca”, cioè a grappolo, un pizzico di sale. Disporre le varie sezioni di zucchina nella teglia e mettere il forno a circa 150 gradi per circa 30 minuti (spegnere quando l’impasto è abbastanza asciutto, non acquoso).

Decorare il piatto pronto, disponendo su ciascuna sezione di zucchina mezzo pomodorino capovolto, infilzato con uno stuzzicadenti.

Buon appetito

Vino abbinato: Baglio del Cristo di Campobello di Licata - 2008 Chardonnay Grillo Sicilia Bianco


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -