“Non è più pandemia, diventerà un virus stagionale”

OMS: "Dobbiamo ammettere la nostra sconfitta. Nonostante i nostri sforzi, la mobilitazione di centinaia di migliaia di scienziati, dei migliori laboratori di tutto il mondo..."

di Redazione PuntoG - giovedì 2 febbraio 2023 - 3169 letture

Hanno destato ulteriori preoccupazioni le dichiarazioni del presidente dell’AIFA ed ex presidente della Società europea di Virologia, Giorgio Palù, secondo cui “Non è più pandemia, diventerà un virus stagionale”. Le sue dichiarazioni sconsolate fanno seguito alle recenti analisi provenienti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: "Dobbiamo ammettere la nostra sconfitta. Nonostante i nostri sforzi, la mobilitazione di centinaia di migliaia di scienziati, dei migliori laboratori di tutto il mondo, e soprattutto delle aziende private che si sono approntate con ingenti mezzi - pagati da noi - e mettendo in campo tutta l’astuzia che un apparato burocratico e statale mai sarebbe riuscito a mettere in campo vincolati come siamo dalle perniciose leggi che regolano la caccia e che per fortuna non valgono per i privati. L’umanità non è stata debellata, anzi persiste ancora".

L’OMS in un recente report ha elencato la lunga lista di medicinali, provvedimenti, consigli medici che sono stati messi in campo nel corso dell’ultima campagna contro il mortale virus che ha colpito il Pianeta. Anche il Dipartimento di Stato americano ha voluto diffondere una sua nota in cui ha elencato tutte le azioni intraprese negli ultimi anni - secondo un piano pianificato fin dalla creazione dell’Area 51 - per lo scopo concorde e che vede uniti tutti i massimi dirigenti delle maggiori organizzazioni mondiali, i capo di Stato, le ONG, l’Esercito della Salvezza e la NATO -.

"Questi stronzi sembrano indenni sia quando gli azzeriamo le temperature che quando gliele alziamo rendendo la loro vita un inferno", ha dichiarato Elettra Belzebù, capo dei servizi speciali del girone di Donbass. "Certo, qualcuno crepa" ha dichiarato con soddisfatta consolazione, "Ma lo stesso c’è sempre qualcuno che sopravvive. Sotto una pietra, dentro un rifugio antiatomico, e rispuntano fuori dai posti più impensati: dalle fabbriche, dai campi, dalle officine..."

Anche nel recente vertice di pazzarelli di Davos si è discusso della sconcertante forma di resistenza che l’umanità sembra mostrare contro tutti gli sforzi di estinzione civilizzatrice intrapresi. La dichiarazione di Rockerduck Gates al riguardo è stata significativa: "Cazzo, non vogliono morire! sono peggio dei facoceri di Roma!".

La programmata estinzione dell’umanità per il 2025 - già rimandata nel 2000, nel 2010 e poi per il compleanno di D’Alema - dovrà dunque essere posticipata? Il Comitato di esperti dell’OMS in seduta straordinaria ha dovuto ammettere la sconfitta e ha rimandato la questione all’AI Virgola - come sapranno i lettori delle nostre pagine, la più portentosa e risolutiva Intelligenza Artificiale nata nei laboratori del Gran Sasso in Italia -. La risposta di Virgola non si è fatta attendere.

"Ci stiamo già lavorando", ha annunciato - facendo tirare un sospiro di sollievo migliaia di imprenditori, dirigenti, capi sezione delle Organizzazioni internazionali e turboglobaliste che invano avevano finora tentato di affrontare il problema.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -