Sei all'interno di >> :.: Culture | Libri e idee |

L’isola isolata e l’indolenza della ragione

Melo Freni, scrittore, giornalista e regista teatrale.Il suo ultimo libro, "Al limite della ragione"(Eri, 2004), è stato presentato il 7 maggio a Catania al Centro Culturale Cavallotto

di Maria Gabriella Canfarelli - mercoledì 12 maggio 2004 - 9236 letture

"Al limite della ragione" Incontro con Melo Freni L’isola-isolata e l’indolenza della ragione.

Melo Freni, scrittore, giornalista e regista teatrale, esordisce negli anni sessanta con "Il senso delle cose", raccolta poetica che Leonardo Sciascia gli consigliò di dare alle stampe e da Sciascia medesimo presentata. Tra i primi romanzi "Le calde stagioni"e "La famiglia Ceravolo", con il quale raggiunge il successo, romanzo della cui versione televisiva è anche regista. Per il teatro ha firmato diverse regìe liriche con i teatri nazionali di Stoccolma, della Moldavia,della Romania e dell’Ucraina. Un’attività culturale e letteraria a tutto tondo. cui si affianca quella, non meno importante, di documentarista per la televisione. Il suo ultimo libro "Al limite della ragione"(Eri, 2004), presentato il 7 maggio a Catania al Centro Culturale Cavallotto dall’Assessore alla Cultura della Provincia Gesualdo Campo, dal critico-giornalista Giuseppe Condorelli e dalla poetessa Josephine Pace, offre spunti di riflessione sulla sicilianità, condizione oscillante tra indolenza e inclinazione al lamento degli isolani, mai risolta quaestio, attraverso ricordi e testimonianze tra letteratura e vita.

" Le isole ospitavano chimere, accoglievano utopie", introduce Giuseppe Condorelli, "erano spazi aperti e oscuri, e la Sicilia non sfugge alla schematizzazione con la quale viene definita "isolata isolata. Freni prende le distanze da questa mitologia, scrive che il problema è essenzialmente didattico, affronta e sottolinea, come già Sciascia e Giorgio La Pira, la paralisi dell’attitudine a capire, esorta un’etica della responsabilità dei siciliani. In nome d’una presunta esoticità, tra l’identità dell’essere e la necessità del fare prevale la frammentazione, il rapporto è sbilanciato. " Isola maschera" potrebbe essere il titolo fittizio di questo libro. Lo strappo è sulla categoria della sicilitudine, ma gli intellettuali tacciono. Suonano amare e taglienti le critiche di Freni, alla luce della consapevolezza del mancato senso di responsabilità", conclude,"come in una lettera scrisse Don Mazzolari a Quasimodo".

Un libro molto particolare, con capitoli, articoli che attingono al ricordo delle frequentazioni con altri scrittori, siciliani e non, libro che evidenzia il modo con cui questi autori hanno scritto della Sicilia: Bufalino, Sciascia e Borges, Brancati e Patti, Tomasi di Lampedusa fino a Goethe e altri grandi viaggiatori tra Sette e Ottocento. "Un filo rosso li collega", dice l’assessore Campo, "l’ ansia di riscatto che rimane, però, latente, non pienamente dichiarata, tranne che in Vittorini, e nello stesso Freni. Il libro è proposta di valori per superare la "dolenza" e sviluppare il protagonismo culturale".

Forse il problema vero consiste nella "acritica deferenza al potere, in tutte le sue forme", dice Josephine Pace in un passo della sua relazione "da che non si può non cogliere il messaggio che lo scrittore lancia attraverso le sue opere. Freni scrive che lo scandalo esiste quando le cose si dicono, l’intellettuale non teme questo scandalo, anzi, dichiara che bisogna sfidare l’ottuso concetto di"normalità", uscire da certi cliché comportamentali. Il tono de "Al limite della ragione "è esortativo e stimola a non demandare ad altri scelte e ragionamenti, a interrogarsi sulle contraddizioni, alleggerire il sentimento della tragedia" e, diremmo, della rassegnazione. E lo scrittore interviene, risponde alle domande del pubblico, aggiunge che non ama l’immagine "oleografica che molti hanno della Sicilia". Ci vuole il coraggio della ragione per rompere i confini, per superare i luoghi comuni. Questa l’eredità sciasciana, non rivoluzionaria né utopica, per un progetto educativo di vita che è anche progetto politico.


- Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
TRA AMORE E ODIO - Lo specchio maledetto dell’uomo
7 luglio 2004, di : Carmelo Parrinelli |||||| Sito Web: http://www.ilfiloonline.it/autori/p...

vorrei tanto vedere il mio primo libro di poesie dal titolo TRA AMORE E ODIO, lo specchio maledetto dell’uomo sugli scaffali di Sicilia...ma... come fare?

Se qualche grande Libreria volesse mettersi in contatto con il mio Editore: IL FILO Editore

http://www.ilfiloonline.it/autori/parrinelli.asp

L’isola isolata e l’indolenza della ragione
30 aprile 2007, di : Maritza Ceravolo

Sopra Melo Freni. No scrivo bene il italiano. Vorrei sapere sopra il libro "la famiglia Ceravolo " e il DVD. Come faccio per parlare com Melo Freni? Grazie Maritza Ceravolo