Sei all'interno di >> :.: Culture | Arte |

I Gioielli del Regno delle Due Sicilie

Una collezione di gioielli, inspirata dalle origini della sua famiglia, intitolata “Il Regno delle Due Sicilie”

di Maria Tringali - giovedì 30 novembre 2006 - 7371 letture

La stilista di gioielli Marilù Fernandez Tringali Blasco Velasquez, dal 5 al 10 Dicembre 2006, presso la Galleria Bonuccelli, in Via del Babuino 25 Roma, presenterà le sua nuova collezione di gioielli, inspirata dalle origini della sua famiglia, intitolata “Il Regno delle Due Sicilie”.

“Quest’ultime creazioni, dedicate al Regno delle Due Sicilie, nascono da una fortuita circostanza, legata ad un vecchio baule ereditato da una zia, nel quale ho trovato numerosi documenti, disegni e oggetti che con malinconia mi hanno portata indietro alle mie origini e fatto ripercorrere la storia delle antiche famiglie nobili meridionali tra la metà del 700’ e la fine del 800’.

Ho guardato molto al significato dei simboli e all’accostamento delle varie pietre preziose, per cogliere la filosofia ed il gusto estetico di quel mondo lontano ma non molto dissimile dal nostro. Legato alle tradizioni, ma attento ai cambiamenti, oppresso da dominatori stranieri, ma attivo nella propaganda patriottica e composto da una società statica, in cui però emergeva la prima borghesia dei filosofi, degli artisti e dei pregiatissimi artigiani.

E’ soprattutto a quest’ultimi che mi ispiro, per la cura e la manualità del loro lavoro, per la studio di innovative forme di gioielli militari indossate indistintamente sia da uomini che da donne e per la scelta delle perle provenienti dall’oriente che insieme al corallo (mia grande passione), ai rubini, ai topazi e ai cammei rigorosamente montati in oro giallo, adornavano i ricchi dell’epoca.

Abiti e gioielli, in una sintesi perfetta che da Versailles, alla Reggia di Caserta e dal Palacio Real di Madrid, al Palazzo dei Normanni di Palermo si mostravano in una continua ostentazione costruita sulla miseria del popolo sempre più povero e vessato da soprusi. Molte figure maschili e femminili mi hanno inspirato, in quanto rappresentative di un periodo molto fervido culturalmente e politicamente.

Una, Maria Carolina D’Austria, moglie del longevo “Re lazzarone” Ferdinando II, Re delle Due Sicilie, e sorella di Maria Antonietta D’Austria moglie di Luigi XVI, si distinse per accidia, superbia lussuria e per aver regnato incontrastata al posto del marito.

L’altra, Maria Sofia moglie di Francesco II, Re delle Due Sicilie, nipote di Ferdinando II e la quale durante l’assedio di Gaeta ad opera di Garibaldi, collaborò da vera regina con l’esercito Borbonico aiutandolo a resistere per diversi mesi, mostrando una fermezza d’animo ed una compostezza regale esemplare, che le valse successivamente la consacrazione dello scrittore Gabriele D’Annunzio nelle “Vergini delle Rocce”.

Le creazioni di questa mia ultima ricerca vogliono essere un tributo a queste forti donne e a quest’epoca, che per la sua connotazione neoclassica e la sua carica romantica, rimane universale nel tempo per aver condizionato la recente storia moderna e la cultura di ognuno di noi.”

Per info contattare fernandez.gioielli@gmail.com

G. Fernandez


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -