Quest’anno festeggiamo due volte Natale?

di Ugo Giansiracusa - domenica 22 marzo 2020 - 563 letture

Quest’anno festeggiamo due volte Natale? O magari una festa di primavera. Noi siamo una famiglia un poco fuori dagli schemi e dai canoni, lo ammetto. Io ancora di più. Credo sia un fattore genetico ereditato da avi scellerati mix di normanni e africani.

Ho deciso di festeggiare il secondo natale dell’anno. E no. Non è una mancanza di rispetto verso chi soffre e muore.

È un modo per esorcizzare il dolore e la paura. Per passare del tempo in allegria con i figli. Per far girare un poco di economia. Senza esagerare che non sguazziamo nel lusso.

Perché comunque ci sono diversi negozi locali che si sono attrezzati con consegne a domicilio.

E con un regalino a testa non andrò in bancarotta, anche in un momento in cui rischio la cassa integrazione.

Quindi?

Ecco il piano. Ripesco in cantina albero e addobbi. Senza uscire di casa. Passo un paio di ore con i pargoli a sistemare tutto. Occuperemo un poco di tempo a scegliere e ordinare i regali. Organizzo una cena con la nonna, per quando ci potremo muovere. E faremo festa. Di baci e abbracci.

Non dimentico chi adesso sta soffrendo. Chi sta lottando. Chi ha subito un lutto. Io lotto anche per loro e con loro. Con le armi che ho a disposizione. In questo caso un albero, luci e regali. Per rendere tutto questo più sopportabile. Per sentire meno la voglia di uscire. Per regalare sorrisi ai miei bimbi. Che insieme ai malati e agli anziani sono quelli che più soffrono questa situazione.

Mi sembra che il piano sia perfetto, sotto ogni punto di vista. Manca solo un dettaglio.

Devo convincere mia moglie.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -