Il quadro della settimana: “In Risaia” di Angelo Morbelli

1901. Olio su tela, cm 183 x 130. Boston Museum of Fine Arts
di Orazio Leotta - martedì 12 novembre 2013 - 5332 letture

Diverse sono le chiavi di lettura di questo dipinto di Angelo Morbelli; 1) la documentazione del “sociale”: si rappresenta il duro lavoro delle 58) In Risaiamondine chine per ore ed ore, con le mani nell’acqua e pertanto a stretto contatto con una costante umidità. Sono giovani e talmente intente al lavoro che ne consegue una cappa di silenzio, stretta conseguenza della fatica profusa.

2) la visione fotografica, ma anche cinematografica della scena di lavoro: il taglio è obliquo, la luce è studiata con scrupolo, sembra calda quasi abbagliante. Le donne, a parte quella eretta rappresentata nell’atto di sistemarsi il copricapo, compiono tutte lo stesso gesto, e se ne evidenzia la prospettiva nel contesto di un paesaggio che si perde a vista d’occhio. Morbelli è il massimo esponente del divisionismo; egli infatti non ricorre al chiaroscuro, ma delimita le forme con i colori.

3) l’influenza del paesaggismo impressionista con un particolare studio per la flora locale (siamo dalle parti di Casale Monferrato). Ricerche atmosferiche, libertà di tocco e studio del paesaggio contraddistinguono altresì questo dipinto, che se visto da una certa distanza potrebbe essere scambiato per una fotografia.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -