Sei all'interno di >> :.: Culture | Libri e idee | Racconti |

Il Clown Nanosecondo e i puntini sugli "ii".......

di Enzo Maddaloni - mercoledì 20 agosto 2008 - 3869 letture

C’era una volta, il Clown Nanosecondo, che voleva scrivere solo tante fiabe e favole immaginifiche.

Mà, un giorno, arrivò un Orco cattivo che se lo voleva mangiare e lo costrinse a fuggire lontano.

Lungo la strada però, dal libro di fiabe che stava scrivendo, gli caddero tutti gli accenti, gli apostrofi ed i puntini sugli “ii”.

A quel punto fu (“ù”...ormai aveva perso gli accenti, gli apostrofi ed i puntini sugli "ii") costretto a tornare indietro per raccoglierli. Certo dei puntini sugli “ii” poteva anche farne a meno, ormai, ma "...degli apostrofi e degli accenti assolutamente no",.... penso ("ò") tra se ("’") e se ("’").

La paura era forte, perche (“è”) rischiava di incontrare di nuovo loOrco ("’"), ma non poteva certo abbandonare gli accenti e gli apostrofi al loro destino, altrimenti come avrebbe potuto continuare a scrivere le sue fiabe?

Come avrebbe potuto scrivere parole come: lamore, felicita, larcobaleno, laquilone, ecc.

Rischiava di dover scrivere solo parole senza apostrofo e senza accento. E, che fiabe sarebbero state? Pensava disperato.

A quel punto, si fece coraggio. Torno (“ò”) indietro correndo, guardando bene lungo la strada (“’”) dove aveva perso tutti gli accenti, gli apostrofi e i puntini sugli "ii".

Di corsa pero ("ò") arrivo (“ò”) anche loOrco (“’”) che voleva mangiarsi a tutti i costi il piccolo Clown Nanosecondo.

Proprio in quel momento passo di li ("’") un bambino con laquilone ("’") e come per magia si alzo ("ò") un grande vento. Il vento trasporto ("ò") li (“’”) il Padrone del Tempo che, nel frattempo, era già ("’") riuscito a recuperargli tutti gli accenti ‘’’’’’’’’ e gli apostrofi ‘’’’’’’’’ trasportando anche loOrco ("’") in un altro spazio-tempo, nell’altro mondo.

Così (?) Nanosecondo, riuscì ...(ormai aveva recuperato tutti gli apostrofi e gli accenti)...., a raggiungere la città del futuro.

E, così - finalmente - riprese a scrivere le sue fiabe che raccontavano del suo viaggio immaginifico tra diversi mondi e spazio-tempo.

Nanosecondo aveva perso i puntini sugli “ii”, ma di quelli ormai ne poteva fare anche a meno.

Nella città del futuro non c’era più bisogno dei puntini sulle "ii" e poi il tempo lì è sempre presente e disponibile, perchè viene donato a tutti dal Padrone del Tempo e tutti ne hanno a sufficenza per scrivere solo fiabe e favole immaginifiche con tutti gli accenti e gli apostrofi al posto giusto.

E, così, visse felice e contento, insieme a tanti altri Clown.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -