Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni |

Cineforum Cinema Vittora Alì Terme: Hugo Cabret

Un omaggio alla storia del cinema da un regista che lo ha reso grande: Martin Scorsese. In programmazione il 5 dicembre.

di redazione cinema - lunedì 3 dicembre 2012 - 5920 letture

Scheda

Hugo Cabret (Hugo) è un film del 2011 in 3D diretto da Martin Scorsese e con protagonisti Asa Butterfield, Chloë Moretz, Ben Kingsley, Christopher Lee, Sacha Baron Cohen e Jude Law.

Interpreti e personaggi

Asa Butterfield: Hugo Cabret
 Chloë Moretz: Isabelle
 Ben Kingsley: Georges Méliès
 Sacha Baron Cohen: Ispettore Gustav
 Jude Law: Papà di Hugo
 Christopher Lee: Monsieur Labisse
 Helen McCrory: Mama Jeanne
 Michael Stuhlbarg: René Tabard
 Marco Aponte: Julien Carette
 Emily Mortimer: Lisette
 Ray Winstone: Zio Claude
 Frances de la Tour: Madame Emile
 Richard Griffiths: Monsieur Frick
 Ben Addis: Salvador Dalì
 Robert Gill: James Joyce
 Emil Lager: Django Reinhardt
 Kevin Eldon: Poliziotto

Curiosità

Tratto dal romanzo La straordinaria invenzione di Hugo Cabret di Brian Selznick del 2007. Il film è uscito nelle sale statunitensi a partire dal 23 novembre 2011. In Italia è stato presentato in anteprima alla 6ª edizione del Festival Internazionale del Film di Roma mentre l’uscita nel circuito delle sale cinematografiche, prevista inizialmente per il 16 dicembre 2011 è avvenuta il 3 febbraio 2012, in linea con la partecipazione del film agli Academy Awards. Il 15 gennaio 2012, in occasione della premiazione dei Golden Globe, il film ha fatto guadagnare a Martin Scorsese il premio come miglior regista. Ai Premi Oscar 2012 si aggiudica 5 statuette su 11 nomination.

Trama

Hugo Cabret è un orfano, che vive segretamente tra le mura della stazione ferroviaria di Montparnasse a Parigi negli anni trenta. Del padre orologiaio conserva un automa rotto che si ostina a voler riparare. Con l’aiuto dell’eccentrica Isabelle scopre che l’automa conserva segreti che riportano a galla vicende del passato. Sono storie e ricordi che coinvolgono anche il padrino della ragazza, Georges Méliès. Questi si rivela essere uno dei più grandi autori della storia del cinema e che credeva di essere stato dimenticato da tutti.

Dediche

Numerose le citazioni e gli omaggi ad altri film. Tra i più importanti, Preferisco l’ascensore, film del 1923 con Harold Lloyd, ad una cui proiezione assistono i due protagonisti, o L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat dei fratelli Lumière. Infine, si possono riconoscere numerose locandine di altre pellicole cinematografiche, come Vita da cani di Charlie Chaplin, Come vinsi la guerra di Buster Keaton, Why Men Work di Leo McCarey e Fantômas di Edward Sedgwick Nella scena in cui Hugo e Isabelle stanno consultando il libro in biblioteca si possono scorgere immagini di numerosi film, tra cui Il gabinetto del dottor Caligari di Robert Wiene. Sono presenti anche citazioni al film Freaks di Tod Browning, in quanto il cane di Madame Emile è chiamato Schlitze (nome di uno dei "freak" del film) e Richard Griffiths interpreta un personaggio di nome Monsieur Frick, nome che sembra rimandare al film di Tod Browning.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -