Sei all'interno di >> Flash |

Persone: Donald Sutherland

di redazione cinema - giovedì 20 giugno 2024 - 462 letture

"With a heavy heart, I tell you that my father, Donald Sutherland, has passed away. I personally think one of the most important actors in the history of film. Never daunted by a role, good, bad or ugly. He loved what he did and did what he loved, and one can never ask for more than that. A life well lived".

Con queste parole il figlio Kiefer ha annunciato la morte del grande attore canadese all’età di 88 anni. Donald Sutherland aveva debuttato sul grande schermo nel 1964 con il film italiano “Il castello dei morti vivi”. Dopo avere preso parte a diverse produzioni minori, compresi una serie di film horror, ottiene il successo nel 1970 con “M*A*S*H” di Robert Altman. A partire dia quel momento, la sua carriera decolla e l’attore prende parte a produzioni quali “Fate la rivoluzione senza di noi”, “E Johnny prese il fucile”, “Il giorno della locusta”, “La notte dell’aquila” e diversi altri. Nel 1976 iviene notato dal regista italiano Federico Fellini che lo vuole nel suo “Il Casanova”. Sempre in Italia collabora con Bernardo Bertolucci nel film “Novecento” al fianco di Robert De Niro e Gérard Depardieu. Nel 1995 vince un Golden Globe per l’interpretazione nel film “Cittadino X”. Clint Eastwood lo dirige nel 2000 nel film “Space Cowboys”.

Donald Sutherland, la cui capacità di affascinare e sconvolgere, rassicurare e respingere è stata ampiamente dimostrata in decine di ruoli cinematografici diversi come un rilassato chirurgo sul campo di battaglia in "M*A*S*H", una spietata spia nazista in "La cruna dell’ago", un padre pieno di sentimento in "Gente comune" e un fascista impettito in "1900", è morto giovedì a Miami.

Suo figlio Kiefer Sutherland ha annunciato la morte sui social media. La CAA, l’agenzia di talenti che rappresentava il signor Sutherland, ha detto che era morto dopo una non meglio specificata "lunga malattia".

Con il suo muso lungo, gli occhi cadenti, le orecchie sporgenti e il sorriso da lupo, il signor Sutherland non è mai stato l’idea di un rubacuori cinematografico. Ha spesso ricordato che mentre cresceva nel Canada orientale, una volta ha chiesto a sua madre se fosse di bell’aspetto, solo per sentirsi dire: "No, ma la tua faccia ha molto carattere". Ha raccontato di come una volta sia stato rifiutato per un ruolo cinematografico da un produttore che ha detto: "Questa parte richiede un tipo da ragazzo della porta accanto. Non sembra che tu abbia vissuto accanto a nessuno".

Eppure nel corso di sei decenni, a partire dai primi anni ’60, è apparso in quasi 200 film e programmi televisivi – alcuni anni è stato in ben una mezza dozzina di film. La sua capacità camaleontica di essere accattivante in un ruolo, minaccioso in un altro e semplicemente strano in un terzo ancora ha attratto registi, tra cui Federico Fellini, Robert Altman, Bernardo Bertolucci e Oliver Stone.

Uno dei ruoli più controversi dell’attore è stato in "Don’t Look Now" (1973) di Nicolas Roeg, ambientato a Venezia e con sfumature soprannaturali. Il signor Sutherland e Julie Christie, nei panni di sua moglie, hanno avuto una scena di sesso così eccitante che ha lasciato una domanda a lungo persistente sul fatto che ci fosse, in effetti, una copula. Lui ha insistito che non c’era, ma lei ha lasciato aperta la possibilità.

In "Klute" (1971), un altro dei primi trionfi, Sutherland è un poliziotto di una piccola città che incrocia la sua strada con quella di una ragazza squillo di una grande città, interpretata da Jane Fonda. Lui e la signora Fonda hanno quindi iniziato una relazione che è durata tre anni; La loro relazione combaciava con la più cospicua esplosione di attivismo politico di lui, che corrispondeva a quella di lei.

Nel 1971, si unì alla signora Fonda e ad altri attori in una troupe comica chiamata F.T.A. che girava le città militari, esibendosi in sketch satirici intrisi di uno spirito inconfondibilmente contro la guerra del Vietnam. Le iniziali del gruppo stavano per Free the Army, anche se i soldati riconoscevano un significato molto meno delicato.

Anche se la politica di Sutherland si è orientata a sinistra, ha detto a Playboy: "Non mi piaceva fare nulla di politico negli Stati Uniti perché, dopo tutto, sono canadese". Ma, ha aggiunto, "c’è stata un’enorme partecipazione canadese alla guerra, e quindi ho sentito, su questo, di avere un diritto".

Nonostante il plauso della critica di cui godeva di solito, non ha mai ricevuto una nomination all’Oscar. Ci sono stati altri riconoscimenti, però, tra cui un Emmy nel 1995 per il suo ruolo di investigatore sovietico in "Citizen X", un film della HBO. Ha anche vinto due Golden Globe, per "Citizen X" e per la sua interpretazione nel 2002 del consigliere presidenziale Clark Clifford in "Path to War" della HBO.

Per alcuni anni, il signor Sutherland era così impegnato a correre tra i progetti cinematografici che viveva la vita quasi come se fosse parcheggiato in doppia fila. Tra le interpretazioni ben accolte ricordiamo il suo professore fumatore di erba in "National Lampoon’s Animal House" (1978), la misteriosa X in "JFK" (1991) di Oliver Stone, il padre presuntuoso in "Sei gradi di separazione" (1993), il gentile Mr. Bennet in "Orgoglio e pregiudizio" (2005), un astronauta lascivo in "Space Cowboys" (2000) e il presidente nella serie distopica "Hunger Games" degli anni 2010.

In Italia, è ricordato anche per il film girato da Renzo Martinelli nel 2003 sul rapimento di Aldo Moro, dal titolo Piazza delle Cinque Lune, dove interpreta il giudice Rosario Saracini.

Era nato a Saint John il 17 luglio 1935.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -