Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni | Cinema d’autore |

Al via il Cineforum di Alì Terme

Si inizia il 22 Ottobre con la commedia "Noi 4" di Francesco Bruni
di Orazio Leotta - giovedì 16 ottobre 2014 - 3741 letture

Il Circolo Nuova Presenza di Santa Teresa di Riva e la Banca del Tempo di Alì Terme, sodalizi entrambi aderenti al CINIT-Cineforum Italiano, di concerto con il Cine Vittoria di Alì Terme, informano gli appassionati cinefili della riviera ionica che, mercoledì 22 ottobre p.v. prenderà il via il consueto appuntamento con il Cineforum. Diciotto i film previsti in cartellone, dei quali, gli ultimi due, come da recente consuetudine, saranno scelti direttamente dai soci per mezzo di apposite schede distribuite nel corso dei mercoledì precedenti. Noi4[1]

I film in cartellone sono stati selezionati avendo riguardo alla qualità artistica degli stessi, prediligendo lungometraggi veicolati al di fuori dei consueti circuiti commerciali. Essi, in gran parte, hanno avuto il loro battesimo nei più importanti festival internazionali, in primis quello di Venezia, che la fa da padrone, avendo ben sette titoli rappresentati fra l’edizione del 2013 e quella del 2014. Quanto ai generi segnaliamo fra gli altri le cinque commedie, due biopic, tre thriller/noir ed anche un documentario.

Previsto l’omaggio a Pietro Germi nell’anno del centenario dalla nascita (ed anche quarantennale dalla morte), il ricordo di Carlo Mazzacurati ad un anno dalla sua improvvisa scomparsa ed anche, a fine gennaio, in prossimità della "Giornata del ricordo", un film attinente al tema della Shoah. Undici i film italiani, uno dei quali (“Il Capitale Umano”) rappresenterà il nostro paese nella corsa agli Oscar per il miglior film straniero, due i francesi, due made in Usa e un argentino.

Registi affermati quali Clint Eastwood, Polansky, Virzì, Woody Allen, Martone si alterneranno agli emergenti Munzi, Oleotto, Patierno o Bruni per un giusto mix di generi e tematiche, sempre all’insegna della qualità, del sociale o di denuncia. La famiglia, l’integrazione, la crisi economica, le difficoltà nel crescere i figli saranno alcuni dei temi trattati, ma anche gli amori difficili, la malavita organizzata e l’acume di Pietro Germi che già cinquant’anni fa descriveva una provincia italiana bigotta e ipocrita. E poi tutto su Giacomo Leopardi ne “Il Giovane Favoloso”, in concorso all’ultima kermesse veneziana.

In cartellone anche l’attesissimo e scomodo documentario di Sabina Guzzanti sulla trattativa Stato/mafia. Gli spettacoli saranno replicati tre volte (alle ore 17.00 – 19.15 – 21.30) per venire incontro alle esigenze dei soci; giornata di proiezione il mercoledì (primo film il 22 ottobre, l’ultimo l’11 marzo) con sosta per le festività natalizie e di inizio anno nuovo.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -