Sei all'interno di >> :.: Culture | Cinema - Visioni | Cinema d’autore |

Il Cinema Vittoria di Alì Terme crocevia di incontri di illustri personaggi

Da Wetzl a Scimeca, da Manuela Tempesta a Ficarra e Picone e in ultimo Elio Sofia e Francesco Calogero.
di Orazio Leotta - giovedì 30 marzo 2017 - 2670 letture

Nel giro di pochi giorni si sono susseguiti al Cinema Vittoria di Alì Terme due importanti momenti culturali con la presenza in sala dei rispettivi protagonisti. Nella mattinata di sabato 18 marzo, in occasione della consegna degli attestati di partecipazione agli studenti delle Scuole Superiori della riviera ionica messinese che nell’anno scolastico 2016-17 hanno fatto parte della giuria ufficiale del Premio David Giovani, è stato proiettato il docu-film L’Ultimo Metro di Pellicola del catanese Elio Sofia con lo stesso regista presente in sala a presentare il suo lavoro e a rispondere alle curiosità degli astanti.

Il documentario (già vincitore del Premio Cariddi quale Miglior Documentario al Taormina Film Fest 2015 e finalista ai Nastri D’Argento 2016 nella sezione dei documentari che raccontano il cinema) racconta dell’epocale passaggio avvenuto tra la pellicola e le vecchie sale cinematografiche e la totale digitalizzazione della filiera. Immagini e testimonianze di vecchie sale, proiezionisti, storici gestori di cinema e il racconto unico di grandi nomi come l’attore Leo Gullotta e il regista e autore della fotografia Daniele Ciprì accompagnano lo spettatore in un viaggio fatto di ricordi, sale fumose e rumori di proiettori.

Elio Sofia fra il Prof. Vasta e Il gestore Francesco De Luca

Il documentario scritto, diretto e interamente auto-prodotto dal regista Elio Sofia costituisce, nelle parole del regista stesso - un atto d’amore verso la città di Catania e verso la Sicilia oltre che un omaggio alla storia del Cinema, fatta di persone spesso non conosciute ai più ma che hanno contribuito al successo nell’immaginario collettivo della settima arte. L’evento è stato coordinato dal Prof. Ignazio Vasta, direttore artistico del Festival del Film per Ragazzi di Giardini Naxos, alla presenza anche della Dott.ssa Maria Carmela Lipari dirigente scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore “Caminiti-Trimarchi” di Santa Teresa di Riva, del Dott. Gustavo Ricevuto già Provveditore agli Studi di Messina e naturalmente dal gestore del cinema Francesco De Luca.

Nel pomeriggio di mercoledì 22 marzo è stata la volta del regista messinese Francesco Calogero a intervenire in sala nell’ambito del cineforum ivi organizzato dalla Banca del Tempo di Alì Terme e dal Circolo Nuova Presenza di Santa Teresa (al 40° anno di attività). L’occasione è stata determinata dalla proiezione dell’ultima fatica di Calogero ovvero il lungometraggio Seconda Primavera, sesto film in cartellone della rassegna aliese. Francesco Calogero, messinese d’origine, ma da anni trapiantato a Roma vanta al suo attivo oltre a diversi anni di fattiva collaborazione con il Taormina Film Fest e l’allestimento a teatro di opere liriche quali Cavalleria Rusticana, I Pagliacci, Norma e La Sonnambula anche diversi lungometraggi.

L’esordio dietro la macchina da presa avvenne con La Gentilezza del Tocco (1987) presentato in diversi festival internazionali e poi via via fino ad arrivare al successo con Metronotte (2000) e in ultimo appunto Seconda Primavera che ha visto il suo esordio al Trieste Film Festival ed è stato presentato anche al Festival di Annecy ove il regista ha ricevuto il premio alla carriera (Prix Sergio Leone 2016).

Francesco Calogero in sala con gli organizzatori del cineforum

Il film, girato interamente in Sicilia, narra, nell’arco di sei stagioni, le storie incrociate di quattro personaggi, ciascuno rappresentativo di una diversa età della vita: l’architetto cinquantenne Andrea che incontra la studentessa Hikma, che gli ricorda la moglie Sofia, morta in circostanze oscure; Hikma, appunto, ripudiata dal fratello, un ristoratore di origine maghrebina, che dopo essere rimasta incinta del trentenne Riccardo - già sposato con Rosanna - viene ospitata da Andrea, a cui insegna a prendersi cura del giardino che circonda la sua grande villa al mare. Andrea pian piano si comincia ad innamorare: la seconda primavera della storia è per lui una nuova stagione di passioni. Ma quando Riccardo ritorna da Hikma - dopo un periodo di riavvicinamento alla moglie - Andrea si sa fare da parte: il suo rammarico è però attenuato dalla consapevolezza di essere ritornato alla vita.

Nel cast oltre ai protagonisti Claudio Botosso e Desiree Noferini anche Nino Frassica, Anita Kravos, Angelo Campolo e Tiziana Lodato. Il film ha avuto una nomination agli ultimi Nastri d’argento per il miglior soggetto. Calogero si è soffermato coi soci del cineforum presentando il film e rispondendo alle numerose domande e curiosità degli astanti.

Non è la prima volta che lo staff organizzativo del Cinema Vittoria ospita in sala illustri personaggi del mondo del cinema basti pensare a Pasquale Scimeca che nel febbraio 2012 incontrò gli studenti del Liceo Classico presentando il film Malavoglia; Fulvio Wetzl che nel 2001 col suo film Prima la musica poi le parole (Grifone di Bronzo 1999 al Giffoni Film Festival), inserito nel cartellone del cineforum, s’intrattenne col pubblico presente in sala; Beppe Manno, ideatore della Rassegna di cinema d’autore itinerante che lo scorso dicembre fece tappa proprio al cinema aliese presentando le ultime novità per quanto riguarda documentari e cortometraggi aventi per tema la Sicilia o comunque realizzati da autori siciliani; i messinesi Spiro Scimone e Francesco Sframeli che presentarono nel 2003 il loro “Due Amici”, film in dialetto messinese, Premio Luigi De Laurentiis per la migliore opera prima alla 59ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia; Manuela Tempesta che nell’estate del 2014 presentò il suo “Pane e Burlesque”, divertente commedia con nel cast fra gli altri Enzo Leo, Sabrina Impacciatore e Laura Chiatti e tanti tanti altri fra i quali, dulcis in fundo, Ficarra e Picone ospiti nella succursale del “Graziani” di Santa Teresa di Riva in occasione della presentazione del loro “Nati Stanchi”.

Pasquale Scimeca


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -