Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

Giugno 1994: nasce girodivite

Il primo numero di Girodivite esce nel giugno 1994 col titolo "Un bus chiamato desiderio".
di Pina La Villa - giovedì 3 giugno 2004 - 2475 letture

1994

Il primo numero di Girodivite esce nel giugno 1994 col titolo "Un bus chiamato desiderio".

Tutto però era cominciato nel 1989 .

Nell’anno del crollo del muro di Berlino e del cambiamento di nome e di natura del Pci, alcuni ragazzi, che all’epoca hanno sui venticinque-ventisei anni, decidono di dare al loro disappunto un aspetto preciso, quello del fare.

Nasce Open House, associazione culturale che concentra la sua attività sull’editoria: pubblicazione di fanzines specialistiche di musica, esperienza di ’Lestrigonia’, in cui si da spazio all’attività di poeti e narratori giovani.

Apprendiamo queste notizie dallo stesso girodivite che, nel numero 40, consapevole della necessità di non disperdere il lavoro che si è fatto e che si va facendo, denuncia le proprie origini e prova a fissare qualche data.

L’esperienza di Open House non è unica. Probabilmente attorno al 1989 nascono diversi gruppi e associazioni spinti dalle stesse ragioni, e dagli stessi desideri. Ma, attualmente, siamo a conoscenza solo di un’altra di queste associazioni (sempre dal numero 40 di Gdv).

Si tratta dell’associazione culturale Nadir, nata a Scordia, anch’essa nel 1989, fondata da Salvo Basso e Salvatore Agnello. "Una presenza continua e puntuale nella vita politica e culturale della città - afferma la nota di GDV - Nel 1993 avvia il progetto "Scordiainformalagente", dura un paio di mesi ma è un’esperienza esaltante. Contemporaneamente nascono le edizioni Nadir, che pubblicano alcuni libri sulla cultura popolare a Scordia".

Febbraio 1994

Fra un mese le elezioni politiche che per la prima volta avrebbero dato il potere alla maggioranza di centrodestra di Silvio Berlusconi. A Novembre ci sono state le prime elezioni dirette dei sindaci:Francesco Rutelli a Roma, Massimo Cacciari a Venezia, Antonio Bassolino a Napoli, Leoluca Orlando a Palermo. A Scordia una giunta con sindaco del PDS, Salvatore Milluzzo, a Lentini una giunta con sindaco del PDS, Salvatore Raiti. A Francofonte si sarebbe votato a maggio (e le cose sarebbero andate diversamente).

Febbraio 1994: all’interno di Open House si decide di fare un giornale.

Chi sono i ragazzi di Open house e poi di gdv? Lo racconta Sergio Failla, tra i fondatori di GDV:

"Il nostro non era un gruppo politicizzato. Alcuni di noi avevano esperienze di movimento, una sensibilità comune verso l’ambiente, la solidarietà sociale. Io personalmente, oltre a essere il più vecchio, ero anche quello con più ’retroterra storico’ dal punto di vista politico, ma gli altri non andavano oltre la comune esperienza della classe politica statica e accattona del nostro paese. C’erano i problemi: l’acqua che non arrivava e continua a non arrivare in alcuni quartieri, il degrado, le discariche… Avevamo voglia di parlare di queste cose, e i fogli locali tutti legati a correnti politiche non avevano mai voluto parlare di queste cose. In quel momento poi, di scompaginamento della DC, anche i fogli locali avevano cessato le pubblicazioni per cui si apriva un varco per chi volesse fare informazione democratica, diversa. Abbiamo cominciato a riunirci."


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -