Sei all'interno di >> GiroBlog | Segnali di Fumo, di Pina La Villa |

Devastata dai famelici, corrotta, dominata dai loschi

La linea della palma, diceva Leonardo Sciascia: il modello siciliano di malgoverno e mafia è stato esportato con successo.

di Pina La Villa - sabato 20 giugno 2009 - 2114 letture

"Sporca malata e sofferente, disseccata dal vento caldo, coperta di polvere, aspetta ristoro dal calare della sera. [...]

E’ bella. Mentre l’ora legale tiene sospesa la sera ha il mare rosa e le montagne celesti, o il mare celeste e le montagne rosa, poi tutto sfuma in un viola malva e resta solo il neon.

E’ brutta. Volta le spalle al mare e si protende verso i giardini di limoni, li inghiotte e avanza con casermoni pullulanti, con strade senza fondo senza alberi senza fognature, con gli ingorghi d’auto, con i boss in testa, con immondizie accatastate agli angoli, con nuovi vecchi abitanti carichi di elettrodomestici e di cambiali.

E’ senza pace. Devastata dai famelici, corrotta, dominata dai loschi, percorsa ogni giorno in ogni ora e in ogni via da un torrente di lamiera colorata che procede in prima, si ferma, di nuovo la prima, finché i clacson non impazziscono tutti insieme"(Giuliana Saladino, De Mauro. Mafia anni 70, Feltrinelli, 1972.)

Giuliana Saladino parla di Palermo. Quasi quarant’anni dopo la spazzatura è ancora lì, e non solo quella. Il modello siciliano di malgoverno e mafia è stato esportato con successo ( La linea della palma di Leonardo Sciascia: nel 1970 in un’intervista a Giampaolo Pansa sulla “Stampa”, lo scrittore siciliano aveva paragonato la mafia alla palma, pianta esotica destinata ad attecchire anche al nord man mano che il clima si fa più caldo).


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -