Il premio nobel


Il premio nobel

Alfred Bernhard Nobel, un chimico che aveva reso possibile l'uso della nitroglicerina e prodotto per la prima volta la dinamite, con i soldi guadagnati da questa attività e nel tentativo di rimettersi in ordine con la coscienza, alla sua morte (nel 1896) lasciò l'istituzione di una fondazione per l'assegnazione annuale di 5 premi, ci circa 170 mila corone svedesi (cifra enorme per allora), a coloro che avessero reso «i maggiori servizi all'umanità»: nel campo scientifico, delle lettere, della pace tra i popoli. Da allora l'entità della somma fu aggiornata al livello del valore reale della moneta. Il premio, gestito dall'Accademia Reale svedese, e conferito con cerimonia ufficiale ogni 10 dicembre (per l'anniversario della morte di Nobel) a Stoccolma, è diventato il premio più famoso del XX secolo, anche in campo letterario oltre che scientifico. E se in campo scientifico è diventato una specie di indicatore del livello scientifico e tecnologico delle varie nazioni, in campo letterario (e il premio 'per la pace') più che premiare i valori - cosa non oggettiva e dunque altamente opinabile -, ha provveduto a indicare aree geografiche e 'problemi' internazionali di carattere rilevante. Il premio, dal suo carattere eurocentrico, si è sforzato sempre più di assumere un carattere 'internazionale', anche se saldamente 'occidentale'.
Ricevere il nobel è un fattore di prestigio, sia per l'autore che lo riceve, che incassa tra l'altro una notevole cifra, sia per la nazione cui l'autore appartiene o dichiara di appartenere. Ciò non fa che aumentare l'opinabilità di scelte e la realtà delle lotte politiche e di 'prestigio' che stanno dietro l'assegnazione del premio. Così l'assegnazione del nobel 'per la letteratura' a Winston Churchill, o le polemiche con l'assegnazione del premio a scrittori russi dissidenti rispetto al potere del loro paese (Pasternak, Solzenicyn che non ritirarono il premio), mentre altri (Sartre) per ragioni ideologiche lo rifiutarono ecc.


Inizio pagina I nobel per la letteratura

1901 René F.A. Sully-Prudhomme (France)
1902 Theodor Mommsen (Deutchland)
1903 B. Björnson (Norge)
1904 F. Mistral (France), Echegaray y Eizaguirre (España)
1905 H. Sienkiewicz (Polska)
1906 G. Carducci (Italia)
1907 R. Kipling (United Kingdom)
1908 R. Eucken (Deutchland)
1909 S. Lagerlöf (Norge)
1910 P. von Heyse (Deutchland)
1911 M. Maeterlinck (Belgique)
1912 G. Hauptmann (Deutchland)
1913 R. Thakur (India)
1914 non assegnato causa guerra
1915 R. Rolland (France)
1916 C.G.V. Heidenstam (Svezia)
1917 K. Gjellerup (Danimarca) e H. Pontoppidan (Danimarca)
1918 non assegnato a causa della guerra europea
1919 C. Spitteler (Svezia)
1920 K. Hamsun (Norge)
1921 A. France (France)
1922 J. Bonavente (España)
1923 W.B. Yeats (Irland)
1924 W.S. Reymont (Polska)
1925 George B. Shaw (Great Britain)
1926 Grazia Deledda (Italia)
1927 H. Bergson (France)
1928 S. Undset (Norge)
1929 Thomas Mann (Deutchland)
1930 S. Lewis (USA)
1931 E.A. Karlfeldt (Svezia)
1932 J. Galsworthy (United Kingdom)
1933 Ivan A. Bunin (apolide)
1934 Luigi Pirandello (Italia)
1935 -------
1936 E. O'Neil (USA)
1937 R. Martin du Gard (France)
1938 Pearl Buck (USA)
1939 F. Sillanpää (Finlandia)
1940-1943 non assegnato causa guerra
1944 V. Jensen (Danimarca)
1945 G. Mistral (Chile)
1946 H. Hesse (Svizzera)
1947 A. Gide (France)
1948 T.S. Eliot (United Kingdom)
1949 W. Faulkner (USA)
1950 B. Russell (United Kingdom)
1951 P. Lagerkvist (Svezia)
1952 F. Mauriac (France)
1953 W. Churchill (United Kingdom)
1954 E. Hemingway (USA)
1955 H. Laxness (Islanda)
1956 J.R. Jiménez (España)
1957 A. Camus (France)
1958 B.L. Pasternak (URSS)
1959 S. Quasimodo (Italia)
1960 Saint John Perse (France)
1961 I. Andric (Jugoslavia)
1962 J. Steinbeck (USA)
1963 G. Seferis (Grecia)
1964 J.P. Sartre (France)
1965 M.A. Solochov (URSS)
1966 S.Y. Agnon (Israele), N. Sachs (Svezia)
1967 M.A. Asturias (Guatemala)
1968 Y. Kawabata (Japan)
1969 S. Beckett scrittore irlandese di lingua francese
1970 A.I. Solzenicyn (URSS)
1971 Pablo Neruda (Chile)
1972 H. Böll (RFD Repubblica Federale Tedesca, la Germania dell'Ovest)
1973 P. White (Australia)
1974 E. Johnson (Svezia), H. Martinson (Svezia)
1975 E. Montale (Italia)
1976 S. Bellow (USA)
1977 V. Aleixandre (España)
1978 Isaac B. Singer (USA)
1979 Odysseus Elytis (Grecia)
1980 Creslaw Milosz (Polska)
1981 Elias Canetti (Austria)
1982 Gabriel G. Marquez (Colombia)
1983 William Golding (United Kingdom)
1984 Jaroslav Seifert (Cecoslovacchia)
1985 Claude Simon (France)
1986 Wole Soyinka (Niger)
1987 Josif Brodskij (URSS)
1988 Nagid Mahfuz (Egitto)
1989 Camilo José Cela (España)
1990 Octavio Paz (Mexico)
1991 Nadine Gordimer (South Africa)
1992 Derek Walkott (Antille/USA)
1993 Toni Morrison (USA)
1994 Kenzaburo Oe (Japan)
1995 Seamus Heaney (Irlanda)
1996 Wislawa Szymborska (Polonia)
1997 Dario Fo (Italia)
1998 José Saramago (Portogallo)
1999 Günter Grass (Germania)
2000 Gao Xingjian (Cina)
2001 V.S. Naipaul (United Kingdom)
2002 Imre Kertész (Ungheria)
2003 John M. Coetze (South Africa)
2004 Elfriede Jelinek (Austria)
2005 Harold Pinter (United Kingdom)
2006 Orhan Pamuk (Turchia)
2007 Doris Lessing (Iran/Zimbabwe/United Kingdom)
2008 Jean-Marie Le Clézio (Francia/Mauritius)
2009 Herta Müller (Romania/Germania)
2010 Mario Vargas Llosa (Perù/Spagna)
2011 Tomas Tranströmer (Svezia)
2012 Mo Yan (Cina)
2013 Alice Munro (Canada)
2014 Patrick Modiano (Francia)
2015 Svjatlana Aleksievič (Ucraina/Bielorussia)
2016 Bob Dylan (USA)
2017 Kazuo Ishiguro (Giappone/United Kingdom)




Europa - Antenati - la storia della letteratura europea online - Vai a inizio pagina  © Antenati 1984- , an open content project