Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Politiche |

Isola delle Femmine: assolto dall’accusa di calunnia


La sentenza di assoluzione dall’accusa di calunnia a carico dell’Arch Albert da parte dell’allora Sindaco Stefano Bologna, ripropone la legittimità degli atti emessi in quegli anni.
mercoledì 7 novembre 2007 , Inviato da pino ciampolillo - 2711 letture

ERA IL GENNAIO 2006 QUANDO PONZIO PILATO EBBE A DIRGLI "Ricordi chi ti e’ stato vicino in quell’antipatica vicenda con l’arch Albert?..."

JPEG - 86.3 Kb

Si in effetti era proprio antipatica quella vicenda:

si trattava di mettere a punto un piano, mettere in atto dei comportamenti che portassero a emarginare ad isolare a spersonalizzare la PERSONA ALBERT. Si era proprio antipatica quella vicenda , ma soprattutto la vostra ferrea volontà di annientare la PERSONA che in quel momento si chiamava ALBERT. Dopo privato dell’ufficio, della scrivania, il non affidargli alcun carico di lavoro, siete riusciti a portare la persona/dipendente ALBERT ad umiliarsi: passare al mattino dalla portineria del Comune, bollare la cartolina e girare in lungo e in largo il paese, sino alla fine della giornata lavorativa, tornare e bollare il cartellino di presenza.

Così tutti i giorni e da diversi anni! UMILIANTE non trovate? Era questo forse il Vostro obiettivo?

Di tutto ciò eravate a conoscenza, anzi come dice il nostro Ponzio Pilato:

"si stavano vicini".

Forse speravate in cuor Vostro in un gesto inconsulto da parte della PERSONA Albert? La PERSONA Abert ha avuto la forza e lo spirito di RESISTERE e difendere la Sua dignita’ umana. Ci si chiede come mai questo accanimento? La relazione dell’ispettore dell’Assessorato Enti Locali ci dice:" Dagli atti esaminati si evidenziano diverse irregolarità aministrative riferite in massima parte ad inadempienze del Sindaco nell’espletamento del mandato. Le inadempienze sono ascrivibili in ordine all’abusivismo edilizio e più precisamente si è accertato che alcune Ordinanze Sindacale emesse, sebbene di fatto trasmesse all’A.G. non risultano parimenti eseguite. Nessun provvedimento di demolizione, infatti, è stato eseguito dall’A.C. ancorchè trattasi per alcune di violazioni ultronee alla facoltà concessa dalla L.R. 17/94 del diritto di abitazione e dalle leggi nazionale nell’anno 1994. Tant’è che alle ordinanze di ingiunzione a demolire ed al successivo accertamento dell’inottemperanza non ha mai fatto seguito nè l’acquisizione al patrimonio comunale nè la demolizione delle opere abusive. Presupposto fondamentale è la redazione del tipo di frazionamento al cui compito l’U.T.C. non è stato in grado di provvedere, nè l’A.C. ha ritenuto di affidare l’incarico a professionisti esterni. In definitiva gli atti che concretizzerebbero le violazioni di legge sono quelli richiamati nelle singole pratiche. Di seguito si elencano le inadempienze riscontrate:
 Responsabilità del Sindaco in merito agli omessi provvedimenti conseguenziali alla Ordinanza di Demolizione n 43/96 in caso di giudizio negativo da parte del T.A.R.
 responsabilità del Sindaco in ordine al rilascio di certificati di Abitabilità e/o Agibilità ave gli stessi risultino rilasciati in assenza della prescritta Concessione Edilizia di variante nonchè alla cessione di opere di urbanizzazione -sarebbe opportuno, pertanto richiedere gli atti sequestrati dalla A.G.....(Atto Ispettivo pagina 29 prot n 444 Assessorato Enti Locali Palermo 26.10.1997)

Si può dire che la "vicenda antipatica" in realtà risulta essere stata alquanto SQUALLIDA. Questo dimostra, qualora ve ne fosse ancora la necessità, del prevalere degli interessi personali di famiglia o di bottega, sul rispetto delle regole, delle leggi della trasparenza della legalità, del rispetto della PERSONA e della dignità umana.

ATTO PRIMO

.......All’udienza di discussione del 20 settembre 2007 ha pronunciato sentenza avente il seguente DISPOSITIVO Il Giudice, definitivamente pronunciando ed ogni altra domanda, eccezione e difesa rigettando, dichiara illegittimo il licenziamento intimato al ricorrente e, per l’effetto, ordina a parte convenuta di reintegrarlo nel posto di lavoro; condanna, altresì, parte convenuta al risarcimento del danno subito dal ricorrente versandogli una indennità commisurata alla retribuzione globale di fatto dalla data del licenziamento all’effettiva reintegrazione, oltre al versamento dei contributi assistenziali e previdenziali con la medesima decorrenza………

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2007/10/pubblica-amministrazione-dipendenti.html#links

ATTO SECONDO

L’accusa di calunnia avanzata dall’ex sindaco Bologna, a carico dell’arch Albert è risultata infondata. La Corte d’Appello ha ritenuto fondate e legittime le critiche rivolte dall’ex capo dell’ufficio tecnico addetto alle sanatorie del comune di Isola delle Femmine. L’arch Albert si era rifiutato di emettere una serie e ben identificate concessioni edilizie in sanatoria, concessione che nonostante il parere negativo del funzionario il Comune, retto dall’allora sindaco Bologna, le aveva accordate ugualmente. Su richiesta del funzionario Albert, l’assessorato Enti Locali aveva disposto degli accertamenti ispettivi, le cui risultanze sono state inviate al CO.RE.CO. Sez prov.le di Palermo, alla Prefettura di Palermo, all’Ass.to Reg.le Territorio Ambiente, alla Prefettura di Palermo oltre che alla Procura della Repubblica di Palermo. (Decreto 2195/VIII del 22.11.1996 ). L’ipotesi di illegittimità, avanzata da Albert e confermata dall’ispettore dell’Assessorato Enti locali, si riferivano alle revoche dei cosiddetti rifiuti di concessione in sanatoria disposte dal Sindaco Bologna. Se da una parte siamo di fronte ad un funzionario che ritiene il suo operato legittimo e doveroso nell’interpretazione delle norme dal punto di vista tecnico, dall’altra abbiamo un Sindaco che si sente calunniato da questi comportamenti. E’ probabile che l’esito della sentenza darà luogo ad un esame di legittimità di tutti gli atti denunciati dal funzionario confermati dagli accertamenti messi in atto dall’Assessorato Enti Locali.

Comitato Cittadino per la difesa della DIGNITA’ UMANA

http://www.isolapulita.it Etichette: ABUSIVISMO, AIELLO, ALBERT, BOLOGNA.PORTOBELLO, LEGALITA’, Trasparenza, UFFICIO TECNICO


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica