Isola Pulita: L’ARPA relaziona su escursione a Raffo Rosso di Isola delle Femmine

L’Arpa relaziona sullo stato dell’arte nella zona di stoccaggio del Petcoke Zona considerata dalla Comunità Europea di protezione ambientale.

di pino ciampolillo - mercoledì 4 ottobre 2006 - 1908 letture

Sunday, October 01, 2006

L’ARPA RELAZIONA SULL’ESCURSIONE A RAFFO ROSSO

Nel mese di gennaio del 2006, l’ARPA relaziona a: il Settore Igiene AUSL 6; il Dirigente Sanitario 8 AUSL & Carini; informa inoltre la Prefettura di Palermo, la Procura della Repubblica e l’ ARPA Sicilia nella persona del Direttore Generale, del sopralluogo presso il deposito di combustibile solido (pet-coke) in località Raffo Rosso della Italcementi S.p.a.http://isolapulita.blogspot.com/2006/09/unescursione-raffo-rosso-area-di.html

Nella relazione si riferisce :

°Il deposito di pet-coke viene effettuato in una parte di un’area che precedentemente era oggetto di attività estrattiva, impermeabilizzata con dell’ argilla. °L’area esterna all’area di stoccaggio non è stata impermeabilizzata in alcun modo e presenta un terreno di tipo calcareo. ° l’area non impermeabilizzata presenta alcune pozze d’acqua e varie quantità di pet-coke sparse sul terreno. °Nella zona contigua alla vasca di raccolta acque si è osservato uno straripamento dell’acqua stessa sull’area circostante non impermeabilizzata. In particolare questa zona presenta evidenti segni di contaminazione quali il colore del terreno molto scuro in maniera compatta ed estesa in tutto lo strato superficiale, oltre a diversi pezzi di pet-coke.

“Si precisa che il pet-coke dalla scheda di sicurezza, acquisita nell’ambito di un servizio presso l’Autorità Portuale di Palermo durante le attività di scarico del pet-coke stesso, contiene una percentuale di idrocarburi policiclici aromatici (IPA) inferiore al 15%, una percentuale di vanadio e nichel rispettivamente inferiore al 0,3%.

La sostanza è inoltre classificata come pericolosa (Xn) e categoria cancerogena 3.”

L’ARPA in considerazione di quanto accertato in loco propone una serie di interventi:
 la messa in sicurezza di emergenza per lo straripamento delle acque dalla vasca di raccolta, il materiale depositato sull’area non impermeabilizzata e la mancanza di una protezione lungo la scarpata confinante con l’area di stoccaggio;
 caratterizzazione di tutta la zona contigua al deposito e interessata dalla contaminazione del pet-coke, sia per quanto riguarda le acque sotterranee che il suolo e sottosuolo, al fine di valutare un intervento di bonifica;
 adeguata impermeabilizzazione di tutto il fondo della cava, a prescindere dall’esito della caratterizzazione, in modo di avere delle zone sicure, contigue al deposito, su cui effettuare le attività di manutenzione e di transito dei mezzi che compiono le operazioni di carico e scarico.
 predisposizione di un piano di monitoraggio sulle acque e sull’aria per controllare rispettivamente l’efficacia del sistema di impermeabilizzazione ed il contenimento delle emissioni diffuse.

http://isolapulita.blogspot.com/2006/09/unescursione-raffo-rosso-area-di.html http://www.ecquologia.it/forum/viewtopic.php?t=743 http://www.keypivot.com/Isola_Pulita/ http://www.intopic.it/find.php?lookingfor=italcementi http://www.intopic.it/find.php?lookingfor=petcoke


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -