Sei all'interno di >> GiroBlog | OH! Magazine | edizione Marzo/Aprile |

Il Bacio più romantico? Al sangue

Dal film di Thomas Alfredson “ Lasciami entrare”...
di Rachele Bifolchi - lunedì 27 aprile 2009 - 1532 letture

Anni Ottanta. Case popolari alla periferia di Stoccolma incrostate di neve e ghiaccio. Una luce verdognola e fioca dei lampioni rischiara questa porzione di città dormiente. Ed è proprio in quetsa dimensione pseudo-onirica che Oskar incontra una strana ragazzina che non sente ne caldo ne freddo, che vive di notte con un’unica e sola impellanza: la sete di sangue umano. E sì, Elì è una vampira. Ma non di quelle con mantelli e canini sporgenti o mostri semi-adddomesticati:

Elì incarna tutti i clichè puri della figura vampiresca, infatti azzanna le sue prede senza pietà e si sazia di chiunque, anche del suo ex-amante per sopravvivere. E’ un animale pronto a tutto, ma necessariamente solo. Ed è proprio questa solitudine, ontologica quasi, che fa innamorare i due ragazzini perché anche Oskar è solo essendo divenatato il capro espiatorio della sua classe.

L’amore tra i due è ingenuo, virginale e del tutto lontano dagli stilemi sociali ordinari; Oskar scopre, seppur a tentoni, la vera natura di Elì e non solo la accetta, ma la assimila in sé affascinato dal male; anche Elì impara a controllare i suoi istinti primordiali per resistere al succulento cibo che scorre nelle vene di Oskar, solo per lui.

Per questo il bacio fra i due ragazzini non può che essere commovente e romanticissimo nella sua brutalità: Elì, dopo un lauto pasto, appoggia la labbra grondanti sangue su quelle candide di Oskar come simbolo di accettazione e di amore assoluto. Sentimento che arriva al cuore dello spettatore violentemente perché estremamente dolce fatto di sguardi, di tocchi timidi, dal cubo di rubick e dall’alfabeto morse. Assolutamente da vedere.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -