Sei all'interno di >> :.: Culture | Libri e idee |

Da quale Francesco ricominciare

Il 23 settembre 2022, al Cinestudio di Catania presentazione del libro di Francesco Coniglione, "L’uomo venuto da un altro mondo : Francesco d’Assisi"

di Fabio Gaudioso - sabato 24 settembre 2022 - 1261 letture

Venerdì 23 Settembre, ultimo giorno di campagna elettorale, si è svolto presso l’Arena Argentina di Catania un interessante e assai partecipato incontro, in occasione della pubblicazione di Francesco Coniglione su "L’uomo venuto da un altro mondo : Francesco d’Assisi". Ne hanno parlato, con l’autore, Antonio Di Grado e, in rappresentanza dell’arcivescovo di Catania, Salvatore Genchi vicario generale della Diocesi. Ha introdotto e moderato Giulio Toscano dell’associazione Volerelaluna (la politica puntoacapo) di Catania che ha così dato inizio alle sue attività.

JPEG - 134.3 Kb
Cinestudio Catania: presentazione libro su Francesco d’Assisi - Antonio Di Grado, Giulio Toscano, Salvatore Genchi

La coincidenza ha fatto sì che proprio nella stessa mattinata di venerdì 23 si siano svolti, a Catania come in altre decine e decine di piazze italiane, i cortei dei giovani studenti di Friday For Future, in difesa degli equilibri naturali del nostro pianeta, e in lotta - da ormai tre anni - contro le drammatiche conseguenze del sempre più clamoroso mutamento climatico.

Le coincidenze, come si sa, non sono mai casuali: se c’è, infatti, una chiara e netta eredità dell’insegnamento e della testimonianza del più laico tra i santi - questo è il nostro patrono d’Italia - sta proprio nella diffusa cultura ecologica e ambientalista che, nonostante incredibili negazionismi e spietati egoismi a difesa di un sempre più distorto modello di sviluppo, sembra ormai affermarsi, almeno a livello, appunto, di giovani generazioni.

Se, insomma, vogliamo incontrare le tracce profonde lasciate - nonostante i molti secoli di distanza - da Francesco d’Assisi nel mondo di oggi credo che dobbiamo metterci sul cammino di due altri grandi "Maestri" italiani, di cui proprio quest’anno ricorreva l’anniversario del Centenario della nascita: mi riferisco, come qualcuno potrebbe avere già intuito, a Pierpaolo Pasolini - evocato in un momento del dibattito, a proposito di uno splendido episodio di "Uccellacci e uccellini" (recentemente proiettato nella stessa Arena catanese) - e al segretario comunista Enrico Berlinguer. Come non vedere, per esempio, nel memorabile articolo pasoliniano sulla scomparsa dalle campagne e dalle strade italiane delle bellissime e magiche lucciole, chiara testimonianza dell’avvenuta trasformazione del Paese da agricolo a industriale, corrotto - già mezzo secolo fa - dalla società opulenta dei consumi, basata sulla TV e sulla sua pubblicità (il berlusconismo prima di Berlusconi)... come non vedere in tutto questo un francescanesimo perenne?

E, ancora, come non vedere in quel profetico e visionario discorso tenuto all’Assemblea degli intellettuali nel gennaio del 1977, al Teatro Eliseo di Roma, da parte dell’amatissimo e rimpianto dirigente comunista, in cui si evocava la necessità di un nuovo - e profondamente alternativo - modello di sviluppo, fondato su un concetto alto e nobile di "austerità", un lontano riflesso di quella sobria e pauperistica concezione che caratterizzava alcuni tra gli aspetti principali della testimonianza e pratica francescana?

Pasolini, come si sa, fu tragicamente e barbaramente ucciso - a lui poche settimane fa, in collaborazione con l’Associazione Catania Jazz, l’Arena Argentina ha dedicato una interessantissima rassegna con i cinque film girati in Sicilia dal grande regista - il segretario comunista fu frainteso e contrastato non solo dai cosiddetti poteri forti - economici, sociali, politici - fuori ma anche dentro il suo stesso partito e movimento operaio.

JPEG - 112.9 Kb
Cinestudio Catania - presentazione libro su Francesco d’Assisi - l’autore Francesco Coniglione

Eppure, tornando al mondo di oggi, pensando alle drammatiche urgenze a cui siamo davanti, tra tutte la difesa della pace ☮️ e la lotta per il disarmo, resto più che mai convinto della lungimiranza e della bontà di quella coraggiosa strategia politica chiamata del "compromesso storico": non a caso, poco prima di morire - strenuamente impegnato nella ricerca della costruzione di un vasto e largo Movimento per la pace ☮️- Enrico Berlinguer si recò in visita e venne calorosamente accolto dai frati francescani del Convento di Assisi. Non è stato, quindi, formale anche l’incontro di venerdì pomeriggio tra il vicario della Diocesi con due dei principali esponenti della cultura politica progressista e di sinistra della nostra città. In questo senso crediamo che sia utile e necessario ricominciare da Francesco d’Assisi e da chi, come quei due grandi italiani nati nel fatidico (e famigerato) 1922, può ancora adesso costituire valido punto di riferimento e motivo di utile riflessione.

Nel corso della serata è stato poi proiettato il film "Francesco" di Liliana Cavani.

Un sentito ringraziamento va, a tale proposito, rivolto al Cinestudio che ha fortemente voluto organizzare, assieme agli amici di Volerelaluna, un pomeriggio e una serata di confronto e approfondimento culturale, così interpretando - come fa, ormai, da 40 anni presso l’Arena Argentina - un ruolo che travalica quello del mero esercizio cinematografico. Al prossimo libro, al prossimo film.

L’ uomo venuto da un altro mondo : Francesco d’Assisi / Francesco Coniglione. - Bonanno editore, 2022. - 412 p. : ril. - (Cultura e formazione. Filosofia). - ISBN 978-88-6318-296-5



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -