Sei all'interno di >> :.: Culture | Libri e idee | Racconti |

A Teresa morta di cancro

di enza - giovedì 7 febbraio 2008 - 4802 letture

Sei come ghiaccio,seria/ nel tuo migliore vestitino/. e giaci assorta nel tuo letto/, mentre aspetti il tuo ultimo/ passaggio verso un paese/ misterioso e senza tempo/ dove non più balli, non canto/ di grilli, non più amore allieteranno/ le lunghe serate estive,/ la tua allegra gioia di vivere./ Teresa, ragazza napoletana/ ridente e scanzonata,dolce donna/ bionda con i capelli ricci al vento dal profumo di iris,aperta alla vita/ come un divertente gioco di bambina/ Amica, mi guardi consumata e torturata/ tradita da quella vita che tanto amavi/ ancora incredula sembri fare un cenno / da quel letto dove si è consumato / il tuo ultimo olocausto.


- Ci sono 2 contributi al forum. - Policy sui Forum -
A Teresa morta di cancro
8 febbraio 2008

gioia e dolore si rincorrono nella materia. esistere oltre le molecole. un bisogno irrinunciabile...
A Teresa morta di cancro
8 febbraio 2008

Commento profondo e bellissimo! Ringrazio chi l’ha scritto.Esistere oltre la materia....la nostra ultima disperata speranza. Enza