Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Lavoro |

Sciopero generale

È stato indetto uno sciopero generale dei lavoratori e delle lavoratrici di tutti i settori pubblici e privati per l’intera giornata di venerdì 20 ottobre 2023.

di Alessandra Calanchi - giovedì 19 ottobre 2023 - 822 letture

Come molti sanno, è stato indetto uno sciopero generale dei lavoratori e delle lavoratrici di tutti i settori pubblici e privati per l’intera giornata di venerdì 20 ottobre.

E leggo (su una testata giornalistica che non nominerò):

No alla guerra e alle spese militari. Blocco dei rincari dei beni di prima necessità, bollette, affitti, mutui. No all’abolizione del reddito di cittadinanza. Stop alla campagna d’odio contro i disoccupati. Se venerdì non riuscirete a prendere i mezzi pubblici, il vostro treno o il vostro aereo verranno cancellati, la scuola dei vostri figli rimarrà chiusa o in mensa si ritroveranno a mangiare un panino oppure ancora se troverete sprangato l’ufficio o il grande magazzino che avrete (faticosamente) raggiunto, lo dovrete a queste motivazioni. Magari nobilissime, poco spendibili legate allo sciopero generale.

Poco spendibili legate allo sciopero generale? I bambini mangeranno un panino? Sto leggendo veramente queste parole?

Svolgo un’attività professionale per cui io venerdì 20 ottobre non devo recarmi al mio posto di lavoro, né timbrare un cartellino. Eppure ho compilato il modulo ricevuto dalla mia amministrazione, chiedendo che mi si trattenga la giornata di stipendio. Il filosofo americano Henry David Thoreau passò una notte in carcere per essersi rifiutato di pagare le tasse che avrebbero finanziato la guerra col Messico. Io non subirò la stessa punizione ma credo in questo sciopero e voglio scioperare per chi non può permettersi di farlo, dalle maestre e maestri supplenti alle commesse e commessi a chiamata, voglio scioperare per gli studenti e per i disoccupati, per i licenziati, per chi ha il reddito di cittadinanza e per chi non l’ha più, per i malati, gli anziani, i pensionati, per i bambini piccoli e per gli adolescenti, per chi non va a votare e per chi non sa cos’è uno sciopero, per chi non sa nemmeno cos’è uno stipendio, per chi non trova lavoro e per chi l’ha perso, per chi si è dimenticato il diritto di contestare e per chi non se lo può permettere, per chi non arriva a fine mese e per chi aveva un sogno, per chi ama il suo Paese e per chi vorrebbe partire, per chi c’è arrivato e non ha diritti, per chi va a scuola e non ha la cittadinanza, per chi lavora sui marciapiedi di notte, per chi è ingiustamente incarcerato, per chi è dovuto emigrare e forse non torna, per chi non si ricorda la pace, per chi non ha i soldi per pagare il mutuo, per chi va a mangiare alla mensa dei poveri, per chi dorme per strada o negli ostelli, per il nostro stato che cade a pezzi, per la nostra costituzione assediata, per l’umanità è la solidarietà tradite, per chi ha lottato per noi, tanti anni fa, e ce lo siamo dimenticato.


JPEG - 124.5 Kb
Sciopero - Lavoratori e lavoratrici rivendicano i diritti di noi tutti

Altre informazioni: chi come dove e quando dello sciopero.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -