Piccolo manuale per mafiosi contro la lotta alle mafie

I tuoi migliori amici si chiamano povertà, ignoranza, diseguaglianza sociale, mancanza di opportunità. Fai di tutto per mantenere questa situazione.
di Ugo Giansiracusa - martedì 18 febbraio 2020 - 485 letture

Piccolo manuale per mafiosi contro la lotta alle mafie.

Questo agile è snello manuale è rivolto a te, amico mafioso, che non vuoi rotture di scatole. Certamente ti sarai chiesto come fare affari illeciti senza che nessuno ti intralci. Qui troverai schematizzate le risposte alle domande che ti assillano.

Primo passo agisci senza farti vedere e notare. La teoria delle bombe è ormai superata, antiquata. Tieni un profilo basso. Meno si parla di te e più avrai possibilità di fare affari d’oro.

Se qualcuno comincia ad intromettersi minaccia lo o compralo. Ricorda, il mondo può essere diviso in due. Quelli che puoi minacciare, perché sono deboli e isolati e quelli che puoi corrompere, perché sono potenti e vogliono esserlo sempre di più. E una volta che lo hai corrotti sono ricattabili. Sono tuoi per sempre.

Altra cosa importante è che devi farli sentire soli ed abbandonati. Questo è fondamentale. Abbiamo amici nei media e in politica che lavorano per questo. Siamo riusciti a dividere in due il paese. Siamo riusciti a far credere che a nord si lavora e al sud mangia. Il nostro capolavoro. Così noi mangiamo a nord come al sud.

Fai in modo di aiutare chiunque si occupi di politica senza fare lotta alle mafie. Poco importa di che partito sono. Una volta al potere entrano nel nostro sistema. Abbiamo amici ovunque.

Dove ci sono i soldi ci devi essere anche tu. Abbiamo milioni di euro provenienti da droga, prostituzione e smaltimento di rifiuti tossici. Il tuo compito è investirli, ovunque, per ripulirli e controllare sempre di più il paese.

Nessuno vuole veramente sconfiggerci, creiamo troppi profitti e posti di lavoro. Come se qualcuno volesse chiudere tutte le imprese del nordest. Pura follia.

L’ignoranza è il nostro miglior alleato. Fai in modo che al nord sappiano il meno possibile di noi è di come deteniamo il potere, e che al sud ci vedano quasi come amici. In fin dei conti noi gli facciamo favori mentre lo stato fa pagare le tasse.

Annienta ogni speranza di cambiamento. Un popolo disilluso è facilmente controllabile. E se qualcuno alza la testa e infonde speranza... sai quello che devi fare, prima che diffonda il morbo.

I tuoi migliori amici si chiamano povertà, ignoranza, diseguaglianza sociale, mancanza di opportunità. Fai di tutto per mantenere questa situazione. E se qualcuno chiede aiuto, digli di non piangersi addosso.

Siamo certi che con questi semplici consigli riusciremo a mantenere il controllo del paese per altri 70 anni.

Baciamo le mani.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -