Io non capisco questa politica

di Ugo Giansiracusa - domenica 22 marzo 2020 - 549 letture

Io amo la politica.
Io non capisco questa politica.
Amo il concetto di qualcuno che lavora per il bene della comunità. 
Che cerca di trovare punti di mediazione tra diverse idee.

Facendo un esempio elementare come una famiglia. I genitori vogliono il meglio per i propri figli. Sempre. È sono disposti a trovare compromessi, tra loro, per questo scopo. E non capirò mai quei genitori che si fanno guerra davanti ai figli, sulla pelle dei figli. E il loro bene passa in secondo piano.

Il primo obiettivo è ferire, umiliare, denigrare il partner agli occhi dei figli. "perché tua madre è una stronza" "tuo padre è un fallito" "tua madre non ti ama" "tuo padre non pensa mai a te"

Allo stesso modo non capisco Matteo e Giorgia. Che non perdono occasione (anzi se le inventano) per attaccare il governo e continuare la loro infinita campagna elettorale. "questo governo non fa abbastanza" "questo governo non vi aiuta" "questo governo non risolve i problemi" "questo governo è la causa di questa tragedia"

Poi come nelle peggiori famiglie è costretto ad intervenire nonno Mattarella. "non è il momento di discutere, pensate al bene dei vostri figli (dei cittadini)".

E loro "si, certo"

E il giorno dopo riprendono la loro opera di demolizione. Come nelle peggiori famiglie. In cui il bene dei figli è messo in secondo piano. E prima di ogni altra cosa c’è l’odio verso l’altra parte Il bisogno di primeggiare. E di ergersi sul podio del migliore. La voglia viscerale di distruggere.

Giorgia e Matteo. Siete i genitori che non vorrei mai avere. Siete i governanti che non vorrei mai avere. Siete l’esempio peggiore dell’egoismo e del disfattismo. Siete la parte peggiore di un’Italia che sta facendo di tutto per essere unita. Nord e sud. Destra e sinistra. Benestanti e bisognosi.

UNITI. Ma senza di voi.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -