Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Cacciati per il Cobalto

Immagina di uscire di casa e di trovare una croce rossa sulla porta. Poco dopo scopri che nel giro di pochi giorni la tua casa sarà ridotta in macerie, perché secondo un’azienda estrattiva si trova nel posto sbagliato.

di Redazione - giovedì 28 settembre 2023 - 631 letture

Per affrontare la crisi climatica il mondo deve abbandonare rapidamente i combustibili fossili e individuare nuove fonti di energia alternative. Ma anche la transizione energetica deve essere giusta.

La Repubblica Democratica del Congo fornisce la maggior parte del rame e del cobalto utilizzati nelle batterie agli ioni di litio. Queste batterie alimentano i nostri smartphone, laptop, auto e biciclette elettriche e svolgono un ruolo importante nella transizione energetica.

Nella corsa globale per assicurarsi i minerali, le aziende e i governi stanno ancora una volta anteponendo il profitto ai diritti umani. Migliaia di persone hanno perso la casa, le scuole, gli ospedali a causa dell’espansione delle miniere di rame e cobalto, in particolare a Kolwezi.

Il presidente Tshisekedi descrive la Repubblica Democratica del Congo come un “paese incentrato sulla soluzione climatica”. Ora ha la possibilità di diventare un leader globale nella giustizia climatica.

Firma l’appello per chiedere di fermare gli sgomberi di massa e di proteggere i diritti delle comunità nelle regioni ricche di minerali.

ndustrie e governi stanno adottando misure per la transizione verso le energie rinnovabili. Al centro di questo allontanamento dai combustibili fossili c’è un massiccio aumento dell’uso di batterie ricaricabili per alimentare veicoli elettrici e unità di stoccaggio di energia rinnovabile.

Cobalto, rame, nichel e litio sono tra i componenti chiave delle batterie ricaricabili. Queste batterie sono ampiamente utilizzate anche per alimentare dispositivi elettronici portatili come telefoni cellulari, laptop, fotocamere e utensili elettrici.

Entro il 2030, per soddisfare la domanda prevista, il mondo avrà probabilmente bisogno di almeno il doppio di nichel, otto volte di manganese e dieci volte di cobalto e litio rispetto a quelli attualmente prodotti. Tuttavia, le ricerche di Amnesty International hanno dimostrato che l’estrazione di queste materie prime minaccia i diritti umani.

Stati, aziende, investitori e consumatori hanno l’opportunità di impegnarsi in una transizione verso l’energia rinnovabile che tuteli e rispetti veramente i diritti umani e l’ambiente.

La produzione delle batterie agli ioni di litio non è affatto “pulita” o “verde” come dovrebbe essere. Ad esempio, anni di pratiche industriali scarsamente regolamentate hanno influenzato negativamente le comunità dell’America del Sud e dell’Africa orientale e meridionale.

Nella Repubblica Democratica del Congo, le comunità vengono sgomberate con la forza dalle loro case e dai terreni agricoli per far posto all’espansione delle miniere industriali di cobalto e rame. I bambini di appena sette anni vengono costretti a scavare il minerale nelle miniere artigianali, e salari bassi e condizioni pericolose sono la norma.

Nel Salar de Atacama, un’area che si estende tra Cile, Argentina e Bolivia, l’estrazione di litio e rame minaccia i diritti delle popolazioni native e mette a rischio le risorse idriche e i fragili ecosistemi delle popolazioni e delle comunità in prima linea, che sono di fondamentale importanza per i loro mezzi di sussistenza, nonché per il loro diritto all’autodeterminazione.

In tutto il mondo, la cattiva progettazione, il funzionamento e la gestione dei rifiuti delle miniere industriali hanno prodotto un inquinamento persistente e a danni alla salute, con scarsa responsabilità per la bonifica o la bonifica. Nel frattempo, la corsa alla ricerca di nuove fonti di minerali per batterie attraverso l’estrazione in acque profonde sul fondo dell’oceano pone rischi gravi e irreversibili per l’ecosistema del fondale marino e per i mezzi di sussistenza delle comunità costiere.

La crisi climatica sta accelerando e la transizione energetica è urgente, ma le soluzioni climatiche non dovrebbero andare a scapito dei diritti umani.

Le aziende che si approvvigionano di minerali di transizione hanno la responsabilità di rispettare i diritti umani ovunque conducano affari e di porre rimedio alle violazioni associate alle loro operazioni o ai rapporti commerciali. Il lavoro minorile, gli sgomberi forzati, l’inquinamento e le condizioni di lavoro pericolose devono finire adesso.

IL TESTO DELL’APPELLO


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -