Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Se la politica è questione di inni

Il nuovo inno del centro sinistra. Un intervento di Massimo Mantellini...

di Redazione - mercoledì 26 maggio 2004 - 4282 letture

Prendi due autori di musica sui settantanni. Gente che ha fatto la storia della canzone italiana tipo la colonna sonora di Fantastico 7. Fagli scrivere una canzone che nessuno ha sentito ma il cui testo ha gia’ attraversato tutta la blogosfera raccogliendo entusiastici commenti. Per cosi’ dire. Mettili a comporre il nuovo inno del centro sinistra. Moltissime persone con un briciolo di temperamento artistico si chiederanno a quel punto se quelli dell’Ulivo si sono completamente rincoglioniti. Poi vedi che in giro per fiere e comizi c’e’ gente come Massimo D’Alema e allora dici che no. Sono davvero cosi’. Non si sono rincoglioniti. Sono solo dei perdenti nati.

Abbiamo scarpe per camminare / abbiamo sogni da cantare / su questa strada sconquassata e lunga / ma la speranza non finisce mai / Ci vuol pazienza, ce n’è da fare / con tante cose da cambiare / ma testa dura e cuore sulla bocca / senza paura adesso tocca a noi / Tutti insieme nel mondo di domani / e là nessuno indietro resterà / se non è come te / Tutti uniti a fare una canzone / con chi è capace di volare tra pace e libertà / Abbiamo in tanti la sensazione / che sono anni di cartoni / un fritto misto di televisione / e tutto il resto non esiste più / Invece vivi e fai progetti / coi ragazzini e coi vecchietti / a chi promette solo mari e monti / non fare sconti adesso conti tu. (Bardotti,Bacalov)


Il pezzo di Massimo Mantellini è stato pubblicato sul suo blog (che invitiamo a seguire): http://www.mantellini.it


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -