Sei all'interno di >> :.: Città invisibili |

Di corsa fra le vigne del Chianti, nel segno del gallo nero

Si narra che al tempo delle lotte medievali Firenze e Siena, spesso in guerra per il possesso di questo preziosissimo angolo di Toscana ed entrambe stanche di battaglie sanguinose, decisero di regolare la questione con una prova singolare.

di Fabio Iuliano - mercoledì 30 marzo 2022 - 1434 letture

Una corsa tra le vigne del Chianti. E perché poi? In realtà non ci vuole poi tanto a trovare un collegamento che dia un senso originale e non scontato a questo Chianti Ultra Trail, con partenza e arrivo a Radda, un piccolo borgo dell’entroterra senese. Il simbolo è quello del gallo nero, scelto come marchio del logo del consorzio del vino chianti classico. E l’origine di questa icona deriva da un’antica leggenda. Si narra che al tempo delle lotte medievali Firenze e Siena, spesso in guerra per il possesso di questo preziosissimo angolo di Toscana ed entrambe stanche di battaglie sanguinose, decisero di regolare la questione con una prova singolare.

Le due città affidarono la definizione del confine a una prova tra due cavalieri, uno con i colori di Firenze e l’altro con i colori di Siena. Il confine fiorentino-senese sarebbe stato fissato nel punto dove i due cavalieri si fossero incontrati partendo all’alba dalle rispettive città, al canto del gallo. Di fatto, una corsa a due con tanto di start. I senesi scelsero un gallo bianco e lo rimpinzarono di cibo, convinti che all’alba questo avrebbe cantato più forte, mentre i fiorentini scelsero un gallo nero che lasciarono a digiuno. Il giorno della prova, il gallo nero fiorentino, morso dalla fame, cominciò a cantare prima ancora che il sole fosse sorto, mentre quello bianco, senese, dormiva ancora beato perché ancora sazio. Il cavaliere fiorentino, al segnale, si mise subito al galoppo, mentre il collega senese dovette aspettare ancora molto. Il risultato fu che i due cavalieri si incontrarono a soli dodici chilometri dalle mura di Siena e così la Repubblica Fiorentina poté annettersi pressoché tutto il Chianti.

Non a caso, a dare il via alla prova principale della Chianti Ultra Trail è il canto del gallo delle 4 del mattino, con la Chianti Castles la gara da 100 km che ha toccato i castelli medievali e i borghi fortificati dell’antica Lega del Chianti. Con partenza in un cielo di stelle che solo dopo un paio d’ore si apre all’alba. In 180 affrontato un percorso duro fatto di infinite salite e discese per oltre 4mila metri di dislivello positivo, sotto il sole caldissimo che li ha accompagnati per tutta la giornata.

Gli altri si sono "accontentati" di distanze come 73 - 42 - 20 - 15 chilometri, tutti all’insegna del "Corri il tuo sogno nel Chianti Classico” lo slogan di una delle competizioni più affascinanti capace di coinvolgere complessivamente 1800 atleti provenienti da 40 Paesi. È l’ennesima conferma che, di corsa tra le colline del Chianti, a farla da padrone non è solo la competizione ma la voglia di scoprire un territorio incontaminato, che conserva ancora il suo sapore antico.

JPEG - 150.7 Kb
Chianti Ultra Trail
JPEG - 125.4 Kb
Le vigne del Chianti

I tag per questo articolo: | | | | | |

Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -