Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Terremoto Centro Italia, EMERGENCY: “La vulnerabilità sanitaria di oggi si aggiunge a quella del sisma”

A quattro anni dalla tragedia, l’emergenza sanitaria raccontata da EMERGENCY
di Redazione - venerdì 30 ottobre 2020 - 343 letture

“A quattro anni dal sisma, purtroppo, la crisi sanitaria che stiamo vivendo dovuta alla pandemia va ad aggiungersi ai danni sia psicologici che materiali causati dal terremoto. In questo territorio la vulnerabilità sanitaria si somma a quella economica, sociale, e demografica.”

Così Giovanna Bianco, psicologa e operatrice del progetto di Assistenza psicologica e infermieristica per la popolazione colpita dal terremoto in Centro Italia di EMERGENCY, commenta l’anniversario del sisma che nel 2016 scosse le Marche.

Il 30 ottobre 2016, un terremoto di magnitudo 6,5, con epicentro tra Norcia e Preti, si abbatté sulla zona del Maceratese, demolendo la Basilica di San Benedetto di Norcia, radendo al suolo la parte alta della frazione di Castelluccio e costringendo 30.000 persone ad abbandonare immediatamente le proprie case.

Dal 2017, in risposta alle richieste delle istituzioni locali, EMERGENCY è intervenuta nel Centro Italia con un servizio ambulatoriale itinerante che quotidianamente offre gratuitamente assistenza psicologica e infermieristica nella provincia di Teramo e Macerata. Oggi è presente nelle località di Camerino, Caldarola, Pieve Torina, Muccia, Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera, Montorio al Vomano, Castelli, Nerito, Compli, Campotosto e Macioni, con particolare attenzione alle comunità montane e rurali.

“Anche se il Decreto Rilancio ha velocizzato alcune procedure, la ricostruzione è finora andata avanti a rilento. La maggior parte della popolazione continua a vivere in soluzioni abitative di emergenza e quindi a non avere alcuna progettualità rispetto al proprio futuro. Vivono in una condizione di lutto e di frustrazione, soprattutto i più anziani. Immaginate cosa può voler dire passare una quarantena in un container di 40 metri quadrati,” racconta Bianco.

Lo staff di EMERGENCY ha continuato la sua azione di prossimità e sostegno psicologico anche durante il periodo del lockdown, riorganizzando il lavoro da remoto e restando in contatto con i pazienti attraverso il telefono, Skype e WhatsApp.

Oltre ai consueti servizi, a maggio ha inoltre aperto uno sportello di ascolto psicologico di fronte all’ospedale di Camerino, dedicato agli operatori sanitari e ai familiari delle vittime di Covid.

“Questa popolazione ha il diritto di continuare la propria vita e non essere dimenticata solo perché vive in un entroterra rurale in condizioni economiche svantaggiate. Per questo, la presenza e la vicinanza sul territorio di servizi di prossimità come il nostro non è mai stata così fondamentale come nel delicato periodo che stiamo vivendo.” conclude la psicologa di EMERGENCY


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -