Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento | Greenpeace |

Stop Allevamenti intensivi

La proposta di legge di Greenpeace

di GREENPEACE - mercoledì 28 febbraio 2024 - 457 letture

La notizia che sta girando in questi giorni, su Milano e la Pianura Padana indicate tra le aree più inquinate in Europa, ci riporta a una drammatica realtà, che non possiamo più ignorare: il peso degli allevamenti intensivi, che sono tra i principali responsabili dell’inquinamento atmosferico da polveri fini.

Proprio per questo abbiamo presentato una proposta di legge per cambiare il sistema di queste fabbriche di carne in Italia. L’obiettivo della proposta è cambiare un settore insostenibile che danneggia la nostra salute, il benessere degli animali, l’ambiente e le piccole aziende.

Il 22 febbraio, insieme a un gruppo di altre associazioni abbiamo illustrato a parlamentari e giornalisti le nostre richieste, convinti che gli eventi climatici estremi sempre più frequenti e le pesanti ricadute sulla qualità dell’aria, dell’acqua e del suolo, impongono la ricerca di una nuova efficienza alimentare con minori impatti ambientali, sociali e sanitari.

L’ammoniaca prodotta dagli allevamenti intensivi costituisce la seconda causa di formazione di polveri sottili (PM2.5) che in Italia causano ogni anno circa 50.000 morti premature. Vogliamo mettere fine a questo sistema che compromette la nostra salute e quella del pianeta.

JPEG - 91 Kb
Allevamenti intensivi

Con la nostra proposta di legge chiediamo di:

- fermare l’espansione degli allevamenti intensivi, soprattutto nei territori più inquinati
- ridurre il numero di animali allevati in Italia
- avviare una transizione ecologica degli allevamenti intensivi esistenti
- sostenere le piccole aziende agricole
- tutelare i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto
- garantire cibo sano e di qualità a prezzi accessibili per i consumatori


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -