Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento |

Riprendiamoci la Democrazia, salviamo il diritto di Sciopero!

12 Novembre, ore 15, a Roma presso la Sala delle Carte Geografiche, via Napoli 36
di Redazione Lavoro - mercoledì 11 novembre 2015 - 2226 letture

I lavoratori pubblici non rinnovano i contratti da 6 anni e quelli del lavoro privato combattono ogni giorno contro licenziamenti, disoccupazione, mentre per tutti aumenta la precarietà e salari e pensioni sono sempre più da fame. Renzi, attraverso le proposte parlamentari dei suoi fedeli Ichino e Sacconi, tenta in questi giorni di dare un colpo mortale al Diritto di Sciopero trasformando un diritto soggettivo del lavoratore costituzionalmente garantito in una prerogativa sindacale e in alcuni settori limitandolo al punto da renderlo inesigibile.

Le operatrici degli asili in alcuni casi non prendono lo stipendio pieno da due anni. Il Governo Renzi con la legge elettorale costruisce un Parlamento di nominati la cui maggioranza a ssoluta andrà ad un partito che rappresenterà meno di un quarto degli elettori.

I lavoratori del TPL di molte aziende non vedono la retribuzione da mesi e spesso la percepiscono ridotta di oltre il 20%. Il Governo Renzi con la revisione costituzionale trasforma il Senato in una camera senza competenze accentrando nel capo del governo il potere decisionale.

La magistratura scoperchia lo scandalo su Mafia Capitale. Renzi impone la legge-bavaglio sulla stampa e licenzia il sindaco di Roma non per i tanti errori commessi ma per lo stesso uso della carta di credito che ha fatto lui a Firenze. I lavoratori del Colosseo indicono una regolare e legittima assemblea sindacale per affrontare il mancato pagamento del lavoro straordinario da moltissimi mesi. Il Governo Renzi non ottempera all’ordine della Corte Costituzionale di rimuovere il blocco della contrattazione ed anzi lancia una campagna di intimidazione approvando per decreto legge la restrizione del diritto di astensione collettiva dal lavoro nei beni culturali e preannunciando per tutti l’introduzione a breve di pesanti limitazioni del diritto di sciopero e alla contrattazione collettiva.

Ci resta solo la mobilitazione di lavoratori e cittadini.

12 NOVEMBRE ORE 15 ASSEMBLEA
 ROMA, SALA DELLE CARTE GEOGRAFICHE
 VIA NAPOLI 36 (VIA NAZIONALE)
 Relazioni di
 Carlo Gugliemi: Diritto di sciopero, contrattazione, conflitti
 Arturo Salerni: Il ruolo svolto dalla Commissione di Garanzia sul diritto di sciopero.

Partecipano:
 Carovane delle Periferie, ORSA, USB Colosseo, USB TPL, Rete no Expo, SiCobas, Strike Meeting, Giuristi democratici, Punto a capo, Articolo 21, Nunzia Catalfo (Commissione Lavoro Senato), Coordinamento per la Democrazia Costituzionale

Interventi conclusivi:
 Sergio Bellavita, Giorgio Cremaschi, Paolo Leonardi

Presiedono:
 Emidia Papi, Franco Russo

Promuove:
 FORUM DIRITTI LAVORO
 In collaborazione con USB e Sindacato è un’altra cosa-Opposizione CGIL


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -