Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento | EMERGENCY |

Festival EMERGENCY: oltre 5.000 presenze a Reggio Emilia

Tre giorni di Festival dedicato alla cura come diritto e valore fondamentale del vivere insieme

di Redazione - mercoledì 8 settembre 2021 - 902 letture

Oltre 5.000 persone, 45 ospiti e 400 volontari di EMERGENCY, arrivati da tutta Italia per contribuire all’organizzazione e allo svolgimento dei tre giorni di eventi. Sono questi i numeri con cui si sta chiudendo, in queste ore, il Festival di EMERGENCY 2021 dedicato a “La cura” come diritto e valore fondamentale per ricostruire il senso del vivere comune a Reggio Emilia dal 3 al 5 settembre.

I 26 panel ad accesso gratuito hanno animato Piazza Prampolini, Piazza Casotti, il Teatro Cavallerizza, la sede dell’ANPI e Parco del Popolo. Oltre al pubblico seduto con prenotazione, in conformità alle norme anti-Covid, sono stati numerosi i partecipanti che hanno seguito gli incontri dall’esterno, in piedi vicino ai luoghi delle conferenze, seduti a bar e ristoranti, così come coloro che hanno visitato la Sala delle Adunanze, dedicata al ricordo di Gino Strada. Durante tutta la durata del Festival, infatti, presso l’Hotel Posta sono stati proiettati il documentario “Jung – Nella terra dei Mujaheddin”, dei registi Alberto Vendemmiati e Fabrizio Lazzaretti, girato nel 2000 nella Valle del Panjshir, durante la costruzione del primo ospedale di EMERGENCY in Afghanistan e il video ricordo realizzato dall’Agenzia Wow Tapes dal titolo “Ciao Gino”.

Per chi non è riuscito a partecipare agli incontri in presenza, è stato possibile seguire via streaming sui canali social di EMERGENCY gli eventi, che rimarranno online su https://www.emergency.it/festival/ e sulle pagine Facebook e YouTube di EMERGENCY.

Il Festival si è svolto per la prima volta a Reggio Emilia, grazie ad un protocollo d’intesa con la città, che lo ospiterà ancora per le prossime due edizioni. Tra i momenti più emozionanti, la consegna a EMERGENCY del Primo Tricolore, massima onorificenza della città, per la sua attività svolta.

“Prima di tutto vogliamo dire ‘grazie’ a Reggio Emilia che ci ha ospitato: siamo felici di aver trovato questa sintonia con la città sui temi importanti e sui valori fondamentali sui quali si basa tutto il nostro operato – ha commentato Rossella Miccio, presidente di EMERGENCY. – Siamo molto soddisfatti, inoltre, dell’enorme partecipazione di questi giorni, che testimonia anche l’attenzione a temi fondamentali come quello della cura, principio che sta alla base dell’essere ‘società’. Ci diamo un arrivederci all’anno prossimo.”

Durante i tre giorni del Festival si è parlato di Afghanistan, con Alberto Zanin, Medical Coordinator di EMERGENCY a Kabul; Marco Puntin, Programme Coordinator di EMERGENCY nel Paese; i giornalisti Corrado Formigli, Francesca Mannocchi e Giuliano Battiston, lo scrittore Paolo Giordano; il ricercatore di ISPI Matteo Villa, i fotografi Andrew Quilty e Lorenzo Tugnoli e lo scrittore Alidad Shiri, per analizzare il tema della guerra attraverso le testimonianze di chi l’ha conosciuta con i propri occhi all’interno del paese.

Si sono affrontate riflessioni sul tema della cura e della salute di tutti, senza distinzione di provenienza, genere, condizioni economiche e sociali, insieme all’immunologa Antonella Viola, alla virologa Ilaria Capua, ai filosofi Telmo Pievani, Michela Marzano, al teologo Vito Mancuso, alle scrittrici Simonetta Agnello Hornby e Djarah Kan, al drammaturgo Marco Paolini, alla ricercatrice e farmacologa clinica Silvia De Francia, ai giornalisti Ferdinando Cotugno, Laura Silvia Battaglia, Marianna Aprile, Luca Liverani, Giulia Crivelli ed Emanuela Zuccalà, l’autore tv e conduttore Federico Taddia, Marco Cattaneo, direttore di LeScienze, Mind e NatGeo Italia, Massimo Bernardini, autore e conduttore tv.

Non sono mancati dibattiti attorno al tema delle migrazioni e del soccorso in mare con Rossella Miccio, presidente di EMERGENCY, Gianfranco Schiavone, consigliere ASGI, Elly Schlein, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna ed ex-europarlamentare, Francesca De Vittor, ricercatrice di Diritto internazionale all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, i giornalisti Annalisa Camilli e Daniele Biella, Giulio Piscitelli, fotografo, Bader Belrhazi, mediatore culturale di EMERGENCY. Si è discusso anche dell’importanza di assicurare una sanità d’eccellenza anche in Africa attraverso la testimonianza di Giacomo Menaldo Country Director del Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica di EMERGENCY a Entebbe, in Uganda; dell’architetto Raul Pantaleo, dell’attivista John Mpaliza, del direttore editoriale di Africa Rivista Marco Trovato, di Pietro Parrino, Direttore del Field Operations Department di EMERGENCY.

Il programma è stato suddiviso in diversi format editoriali: Domande per pensare, speech veloci in stile TED, ventuno minuti di approfondimento con un esperto; panel chiamati Dialoghi per inquadrare le questioni di attualità insieme a giornalisti, scienziati, scrittori, divulgatori scientifici. Infine, le EMERGENCY Stories, tre pillole di approfondimento a cura di Giampaolo Musumeci, giornalista di Radio24.

Raul Pantaleo e Mario Spallino hanno inoltre presentato il loro nuovo libro “Pugnali neri. Aenigma, il saltimbanco che beffò il fascismo”.

Non sono mancati poi gli appuntamenti dedicati ai più piccoli: 40 in totale i bambini iscritti alla lettura Il viaggio di Cam (Carthusia) con l’autrice Arianna Giorgia Bonazzi e al laboratorio Messaggi materici di pace, cura e sostenibilità a cura di Remida, il Centro di Riciclaggio Creativo. Sono stati invece 60 gli iscritti alla Traversata urbana, una camminata a cura degli Psicoatleti di circa due ore per conoscere la città di Reggio Emilia da una prospettiva insolita condividendo momenti di lettura sul tema della Cura.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -