109 - Fa' beni e scordatillu, fà mali e pensaci.
Girodivite
Home
Archivio
Dossier
Rubriche
E.Mail
Forum
Redazione
Network
Antenati
Sherazade
Bancarella
Open House
Cartamenù
Rubriche
Editoriali
Reti&Comunicazione
Città
Interviste
Movimento
Punto G
Tanto per abbaiare
Visioni
Risonanze
Zerobook
Segnali di fumo
 
Giro Mailing List a
Nome
E.mail
Tieniti aggiornato sulle uscite e le iniziative di Girodivite
Iscriviti
Cancellati
Ricerca

Cerca in "giro"
Cerca nel web
powered by FreeFind
Link - Punti nodali
Freaknet Medialab
Tribenet
Siciliablog
Erroneo
Onnivora
Tribý Astratte
Succo Acido
Rekombinant
GranBaol
Trascendentale
Indymedia Italia
Terrelibere
AccadeinSicilia
Eco Mancina
Pippol
Cuntrastamu
Librino
Clorofilla
Speedoflife
Misteri d'Italia
War News
Duepunti
 
_Top Stories
aaaSegnalazioni
 
---------------------------------
Girodivite.it quindicinale di informazione su internet
---------------------------------
   
   
Seconda tappa, Librerie Cavallotto, c.rso Sicilia 91, Catania. Dal 20 giungo al 12 luglio. Uno spazio mobile per l’arte, destinato a tutti, una provocazione contro la quasi totale immobilità di chi gestisce gli “spazi espositivi”.
   
   
 
         
Finita la guerra, comincia la guerra
Finalmente qualcuno al parlamento italiano si è deciso a chiedere al Premier Silvio Berlusconi delle spiegazioni riguardo alle presunte armi di distruzione di massa per cui si è scatenata la guerra contro l'Iraq di Saddam Hussein.
Sono passati quasi tre mesi dalla fine della guerra in Iraq e non si è trovata traccia di un solo batterio o di una sola molecola di gas venefico utilizzabile per una guerra o per un attentato terroristico.

Iraq, ora gli Usa ammettono "Le armi furono un pretesto"
di Repubblica.it
Ricorderete come Bush presentò la guerra al popolo americano, e Colin Powell alle Nazioni Unite: Saddam - dissero - è il Male, ma quello che lo rende pericoloso, e rende necessaria una guerra preventiva, sono le sue Armi di Distruzione di Massa.

Siamo tutti uguali (ma qualcuno è più uguale degli altri)
I guai giudiziari di Silvio Berlusconi rendono perplessa l'Europa intera sul semestre di presidenza europea dell'Italia. A destare sospetti è soprattutto la guerra dichiarata dal Presidente del Consiglio alla magistratura italiana a colpi di leggi per bloccare i procedimenti giudiziari in corso… o spostarli a tribunali più concilianti fino ad arrivare al Lodo Maccanico che prevede l'impunita per le quattro più alte cariche dello stato..

Vi fischiano le orecchie? E' perché mezza europa ride di voi
Comincia il semestre di presidenza italiana dell'Unione europea e proprio il primo giorno il nostro presidente del Consiglio da all'intera europa un saggio di ciò che succederà in questi sei lunghissimi mesi.
Tutto comincia quando il rappresentante dei deputati tedeschi al parlamento europeo pone il problema del conflitto di interessi di Berlusconi a livello europeo. Martin Schulz nel suo intervento: "Il virus del conflitto d'interessi non deve estendersi a livello europeo". "Cosa ne pensa del mandato di cattura europeo, di una procura europea (rivolto a Berlusconi), non pensa che il suo Paese ha un tantino bisogno di riforme?"
Pubblicità o Pluralismo?
di Valentina Arena
Dopo le tante polemiche sulle concentrazioni editoriali, il dll Gasparri sul riassetto radiotelevisivo, approvato alla Camera il 3 aprile 2003, verrà votato al Senato giorno 8 luglio.
Il ministro delle comunicazioni promette una serie di norme anticoncentrazione mentre tace sugli “spots”. Intanto l’autorità garante richiama Rai e Mediaset che hanno superato il tetto massimo delle risorse pubblicitarie. Esiste, infatti, un limite pari al 30% delle risorse del settore tv, stabilito dalla legge Maccanico.

Cheli: "Sul pluralismo situazione insoddisfacente"
Parole di Enzo Cheli presidente dell'autorità di garanzia sulle telecomunicazioni durante la presentazione al Parlamento del rapporto annuale dell'istituzione in cui ha chiesto "leggi chiare e rispettose dei principi costituzionali".

Cronache di una campagna elettorale: Francofonte cambia marcia?
di Lidia Conte
Il risultato in un certo senso era immaginabile, il problema è che non si pensava ad un risultato così eclatante per il candidato del centro destra, il quale non ha affatto brillato durante la campagna elettorale, come neppure aveva fatto nei cinque anni da consigliere Comunale.
Sikula Reggae Festival - One love, one heart
di Alessandro Calleri
Il Sikula si realizza anche quest’anno a Rosolini, città in provincia di Siracusa, all’interno dell’Eremo di Croce Santa, un luogo naturale ed incontaminato ricco di un patrimonio storico-archeologico di notevole spessore culturale cornice naturale e mistica di un evento che in tre anni ha ospitato più di 20.000 persone, un successo basato su valori come libertà, pace, uguaglianza fra gli uomini, senza alcuna distinzione di sesso, razza, religione e cultura.

VISIONI - Rubrica di Cinema

Matrix Reloaded
di Sergio Di Lino

Riders

di Sergio Di Lino

 
  Girodivite è on-line dal 1994 | Info | Disclaimer | Contatti | Redazione |