Sei all'interno di >> :.: Città invisibili |

Sugli animali in pericolo il presidente della Regione Crocetta ci mette una croce sopra

Petizione online perchè la Regione dia i fondi ai Centri di recupero fauna siciliani

di Redazione - mercoledì 1 gennaio 2014 - 2639 letture

PRESIDENTE REGIONE SICILIA ROSARIO CROCETTA: TROVI I FONDI NECESSARI PER I CONTRIBUTI 2013 AI CENTRI RECUPERO FAUNA SICILIANI


SUGLI ANIMALI IN PERICOLO IL PRESIDENTE DELLA REGIONE CROCETTA COSI’ CI METTE UNA CROCE SOPRA!

DOPO TANTI ANNI DI ATTIVITÀ, I CENTRI RECUPERO FAUNA SELVATICA DELLA REGIONE SICILIA CHE HANNO CONTRIBUITO A SALVARE MIGLIAIA DI ANIMALI, RISCHIANO ORA DI SCOMPARIRE PER MANO DELLA STESSA REGIONE CHE DOPO AVERLI ISTITUITI NE STA DECRETANDO LA MORTE.

I CENTRI GESTITI CON IMPEGNO, PROFESSIONALITÀ E PASSIONE DA ALCUNE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE RISCHIANO ENTRO L’ANNO DI CHIUDERE I BATTENTI A CAUSA DEL MANCATO SOSTEGNO DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE PREVISTO PERALTRO DA UN’APPOSITA LEGGE REGIONALE CHE NE DISCIPLINA IL FUNZIONAMENTO.

INFATTI, NONOSTANTE IL RECUPERO DEGLI ANIMALI, LE CURE, LE TERAPIE, I FARMACI, LE ATTREZZATURE TECNICHE E IL CIBO NECESSARIO PER SFAMARLI GRAVINO OPERATIVAMENTE SULLE ASSOCIAZIONI CHE GESTISCONO I CENTRI, LA REGIONE SICILIANA NON HA PREVISTO PER QUESTE STRUTTURE ALCUN RIMBORSO COME INVECE PREVISTO DALLA NORMATIVA REGIONALE.

NATURALMENTE TRA I TANTISSIMI DIRIGENTI, FUNZIONARI E IMPIEGATI CHE POPOLANO LA REGIONE SICILIA NESSUNO SI È DEGNATO DI INFORMARE LE ASSOCIAZIONI SIN DALL’INIZIO DELL’ANNO DEL FATTO CHE L’AMMINISTRAZIONE NON POTEVA FAR FRONTE A QUESTA SPESA CHE ORA RICADE TUTTA SULLE SPALLE DELLE ASSOCIAZIONI CON GRAVISSIMI PROBLEMI ECONOMICI E FINANZIARI.

E PER IL 2014 LA RISPOSTA È "NIENTE SACCIU!".

E’ QUINDI EVIDENTE CHE LA REGIONE HA LASCIATO COMPLETAMENTE ALLE ASSOCIAZIONI IL PROBLEMA DEL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA IN SICILIA, DI FATTO DISINTERESSANDOSI DI QUESTE STRUTTURE CHE OPERANO 365 GIORNI ALL’ANNO PER SALVARE AQUILE, TARTARUGHE MARINE, GUFI, ISTRICI, FALCHI, FENICOTTERI E TANTISSIME ALTRE SPECIE PROTETTE NON SOLO DA NORMATIVE REGIONALI, MA ANCHE DA LEGGI NAZIONALI, DIRETTIVE COMUNITARIE E CONVENZIONI INTERNAZIONALI.

A QUESTO PUNTO I CENTRI SARANNO COSTRETTI A SOSPENDERE LE ATTVITÀ.

GIA’ AD INIZIO 2014 ALMENO 4 CENTRI CHIUDERANNO I BATTENTI E PROBABILMENTE GLI ALTRI SEGUIRANNO A RUOTA. UN CHIARO MESSAGGIO PER CHI SI PREOCCUPA E SI OCCUPA DI TUTELARE LA BIODIVERSITÀ IN SICILIA!

PUR COMPRENDENDO L’ATTUALE E LEGITTIMA POLITICA DI RISPARMIO, (UN CENTRO COSTA ANNUALMENTE MENO DI UN IMPIEGATO REGIONALE) TROVIAMO INCOMPRENSIBILE CHE I TAGLI VADANO A COLPIRE PROPRIO LA BIODIVERSITÀ SU CUI IL PRESIDENTE INTENDE EVIDENTEMENTE METTERE UNA BELLA CROCETTA! DAVVERO UN BEL SEGNALE DA CHI ISTITUZIONALMENTE DOVREBBE DIFENDERE E VALORIZZARE LA NATURA E IL PAESAGGIO DELLA SICILIA!

AIUTACI A SENSIBILIZZARE CHI VUOLE METTERE UNA CROCETTA SOPRA IL FUTURO DI MIGLIAIA DI ANIMALI…


Per la petizione online va qui.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -