Sei all'interno di >> GiroBlog | Linking |

Gli ultimi rantoli dell’Occidente


... e non esiste diritto di recesso :-(
venerdì 7 aprile 2017 , Inviato da Sergej - 472 letture

La decisione di Donald John Trump, 45° presidente degli Stati Uniti d’America di lanciare i missili contro la Siria nasce dalla debolezza storica dell’Occidente nei confronti dei fatti medio-orientali. Quella, per l’Occidente dai tempi dei Romani in poi, è sempre stata una regione-trappola: politica, diplomatica, e di civiltà. Trump e l’entourage politico e sociale nordamericano ci sono cascati fino in fondo, trascinando con sé tutto l’Occidente - quel poco che resta: qualche paesetto in ordine sparso dell’ex Unione Europea, Italia compresa. Non si pensi che sia una faccenda che riguardi solo gli Stati Uniti, non si pensi che il Sud del mondo dimentichi facilmente l’atto di guerra che gli Stati Uniti hanno compiuto. Passerà ancora qualche anno, ma la strada ormai è di non-ritorno.

Gli Stati europei (ognuno per conto proprio) e la Gran Bretagna cercheranno di salvare il salvabile, ovvero i loro interessi particolari, ma ormai sono troppo piccoli e divisi perché qualsiasi loro politica sia capace di un senso di medio o di lungo periodo. Saranno spazzati via. Come nel caso della Libia, accelereranno il processo, con la vendita indiscriminata di armi a tutti. E’ stato inutile il tentativo della chiesa cattolica di intermediare e di ergersi come nuovo polo in Europa (si veda l’episodio significativo: mentre a Roma erano riuniti i capi di Stato europei, il papa cattolico a Milano esibiva "in contraltare" le sue masse di devoti secondo uno stile tipico della chiesa medievale pre-illuminista).

Anche il tentativo autocratico, la riduzione delle democrazie a favore dei leaders autocratici (secondo il modello apparentemente vincente della Russia), fa parte dei processi tipici di auto-protezione delle organizzazioni sociali e statali quando la debolezza generale del sistema aumenta e lo scenario procede verso una situazione "feudalizzazione e arrivo dei Barbari". L’emergenza impone decisioni rapide, ma poi lo stato emergenziale (e ne sappiamo qualcosa noi qui in Italia) diventa uno stato permanente, che si auto-impone per la convenienza che dà ai ceti che hanno il monopolio negli appalti pubblici.

Il tentativo egemonico, da "sheriffo", degli Stati Uniti è tardivo e non supportato dalla forza economica e sociale che un simile tentativo richiederebbe. La "saggezza" di Obama (l’uso dei droni per uccidere, l’intervento specialistico e caso per caso, tutto questo preso per debolezza e attendismo o perdita di tempo da parte degli impazienti di Destra) propria di un mondo in stato globale di guerriglia, aveva una sua logica: cosa che la Destra occidentale non ha mai compreso né può comprendere. Gli Stati Uniti si ritrovano a funzionare come l’Impero Bizantino, stretto tra due fuochi - in realtà oggi hanno moltiplicato i fuochi e i risentimenti - ma oggi senza la lungimiranza necessaria per intraprendere altre strade - che ormai non sono più possibili, almeno non per i prossimi decenni.

Scrive Aitan:

“Per non far soffrire i bambini, sarebbe il caso di aprire corridoi umanitari, piuttosto che fermare le bombe con le bombe.

Le bombe, se fossero intelligenti, deflagrerebbero in cielo, prima di venire a contatto con gli uomini.

Gli uomini, se fossero intelligenti, si sarebbero disfatti da secoli delle bombe e di ogni altro strumento di guerra.

La guerra non è mai la soluzione.”

I tempi da "interessanti" secondo il vecchio adagio cinese, si sono fatti neri. "Dio salvi l’America" e, se possibile, un po’ anche noi che siamo in prima linea in questo che è uno dei fronti di guerra.


Scrive 3nding:

Stanco della solita routine? Sei intrappolato in un lavoro che detesti? Non supporti più colleghi e conoscenti? Abbiamo la soluzione che fa per te: “LA GUERRA”. Basta con le code in tangenziale! Basta con la burocrazia! Basta con le buone maniere! Con “LA GUERRA” prendi in mano la tua vita! Non riesci ad arrivare a fine mese? “LA GUERRA” ti regalerà gratuitamente il brivido di non arrivare a sera! Puoi abbandonare “LA GUERRA” in qualsiasi momento, ma ricorda che facendo ciò diventerai un PROFUGO. Non vuoi “LA GUERRA”? Siamo spiacenti, per questo prodotto attualmente non esiste diritto di recesso! Buona fortuna!



Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Stampa Stampa Articolo
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio
:.: Condividi

Bookmark and Share
:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica