Il concetto di onestà, di Antoine Gombaud cavaliere di Méré

di Redazione Antenati - giovedì 14 aprile 2005 - 4681 letture

[...] Non comprendo niente sotto il cielo al di sopra dell’honnêteté; è la quintessenza di tutte le virtú. E coloro che non la posseggono sono male accolti dalle persone di buon gusto, e anche quando parlano delle cose del mondo, lo fanno per solito con tanta mala grazia, che non si possono sopportare. Questa scienza è propriamente quella dell’uomo, perché consiste nel vivere e nel comunicare in maniera umana e ragionevole. Chi l’avesse per indole naturale, quale si può acquistare senza studio, quando pur non sapesse altro, non sarebbe ignorante. Credo, tuttavia, che per eccellere in quella scienza, l’intelligenza non sia mai troppa, e che tutto ciò che s’apprende di raro e di gentile vi contribuisca. Ma c’è uno studio particolare che riguarda il mondo, e vedo che i migliori spiriti e i piú dotti, a meno di non averlo osservato, non vi procedono senza passi falsi.

Bisogna dunque istruirsi piú che si può nelle cose della vita, e ciò non è affatto quello che si chiama morale o politica, almeno nel senso precettistico, giacché ho visto delle persone che sapevano tutto ciò che se ne insegna e che erano di cattiva compagnia, perché non sapevano vivere; e ne conosco delle altre, che hanno imparato solo il sapere del mondo e che sono ricevute piacevolmente da per tutto. Quel vantaggio risulta dal praticare con garbo le maniere che sono preferite nel commercio della vita, e io noto in ciò un genio rarissimo e molto desiderabile, che viene dal gusto e dal sentimento, non meno che dallo spirito e dall’intelligenza. Quel genio penetra gli avvenimenti piú segreti, scopre con discernimento giusto e sottile ciò che pensano le persone con cui si conversa, e sono persuaso che non si possa essere honnête-homme, né di piacevole conversazione, senza quell’abilità di saper indovinare in molte circostanze.

[...] I piú son persuasi che per essere honnête-homme sia sufficiente frequentare la corte, purché non ci se ne allontani, a causa dei cambiamenti di scena e d’attori, e dato che le mode non vi durano a lungo. Se ciò bastasse, come sarebbe facile imparare una cosí bella scienza e come la si otterrebbe a buon mercato!

[...] Per distinguere la vera honnêteté da quella falsa, ci si deve assicurare che non abbia niente di men che reale, niente che non sia giusto e ragionevole in tutte le parti del mondo; giacché essa è universale, e le sue maniere appartengono a tutte le corti da un capo all’altro della Terra, sebbene non appartenga alle corti piú che ai deserti. Il cangiamento dei luoghi, la rivoluzione del tempo, la differenza dei costumi, non le tolgono quasi nulla. È come del buon oro, che vale sempre il suo prezzo; e le mode sono, riguardo all’honnêteté, quel che il conio dei sovrani è per l’oro, poca cosa intendo. Essa non dipende che dal cuore e dallo spirito; il suo principale fondamento è nel cuore e lo spirito le conferisce la piacevolezza. [...]

Parimenti le signore piú esperte dicono talvolta a se stesse: "Ciò non mi dispiacerebbe, se non ci si trovasse niente da ridire". Tuttavia, siccome le istituzioni di chi ci ha preceduti ci governano nostro malgrado, bisogna osservare ciò che è approvato nelle corti e nei paesi in cui dobbiamo trascorrere la vita, e non offendere la reverenza pubblica; ma per non essere di cattivo gusto, bisogna guardarci bene dall’amare in cuor nostro delle cose che la ragione non ammette, se non perché il mondo ci si è abituato.

Molte azioni stravaganti sembrano di gran gusto soprattutto a coloro che non ci trovano altro interesse che per lo spettacolo, e quando si trascurasse ciò che si ha piú caro, sarebbe insensatezza il voler piacere in tal guisa, a meno di non potersene esimere. Giacché nulla è piú disdicevole d’essere pazzo. Io noto una certa obbligazione di paese e di costume che piace solo alle persone comuni; sono delle false convenienze che dobbiamo respingere, perché oltre a toglierci il sentimento di quelle vere, spegnerebbero in noi tutta la luce che la natura ci ha accordata, e ci terrebbero rinchiusi come prigionieri in un angolo della terra. Non veder niente al di là della propria patria è esser ben limitati, mentre è segno d’uno spirito eccellente giudicare di tutto senza prevenzione.

Cavaliere di Méré, De l’Esprit


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -