Sei all'interno di >> Flash |

Gonzalo Lira, morto il giornalista torturato nelle prigioni ucraine

di Redazione - sabato 13 gennaio 2024 - 1002 letture

“È con grande tristezza che devo annunciare che Gonzalo Lira @GonzaloLira1968 (giornalista americano, ndr), morto in ospedale, secondo suo padre, che nelle ultime settimane ha lottato per ottenere le tanto necessarie cure mediche di suo figlio.

Ecco una nota scritta a mano da Gonzalo che ho ricevuto il 4 gennaio: “Ho avuto una doppia polmonite (a entrambi i polmoni), un pneumotorace e un caso molto grave di edema. Tutto questo è iniziato a metà ottobre, ma è stato ignorato dalla prigione. Hanno ammesso che avevo la polmonite solo durante l’udienza del 22 dicembre. Sto per sottopormi a un intervento per ridurre la pressione dell’edema nei polmoni, che mi sta causando un’estrema mancanza di respiro, al punto di svenire dopo un’attività minima, o anche solo parlare per 2 minuti.”

“Non posso accettare il modo in cui è morto mio figlio. È stato torturato, estorto, ignorato per 8 mesi e 11 giorni e l’ambasciata americana non ha fatto nulla per aiutare mio figlio. La responsabilità di questa tragedia è del dittatore Zelenskyj con il concorso di un senile Il presidente americano Joe Biden”, ha scritto il padre di Gonzalo.”

Lo scrive su X il reporter Alex Rubinstein.

A maggio, Lira era stato arrestato dalle autorità ucraine perché “giustificava pubblicamente” l’invasione russa, secondo un comunicato stampa del Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU).

Il comunicato di Kiev affermava che Lira “ha la cittadinanza di uno dei Paesi dell’America Latina”, ma ometteva il fatto che era anche cittadino statunitense, in quanto nato in California, come aveva riferito all’epoca Space Worm, collaboratore di ZeroHedge.

Dopo il suo rilascio, Lira aveva raccontato di essere stato torturato in una prigione ucraina, spiegando che “due teppisti mi avevano tenuto ferma la testa e avevano usato uno stuzzicadenti per graffiare la parte bianca del mio occhio sinistro, chiedendomi se avessi ancora potuto leggere con un occhio solo“. Lira aveva informato i suoi lettori che si stava rapidamente dirigendo in motocicletta verso il confine ungherese [con l’intento di uscire dall’Ucraina]

Secondo il giornalista Alex Rubernstein, Lira aveva detto di avere una polmonite doppia (entrambi i polmoni), che era stata ignorata dal personale della prigione ucraina in cui era detenuto.

“Ho avuto una polmonite doppia (entrambi i polmoni), nonché uno pneumotorace e un caso molto grave di edema (gonfiore del corpo). Tutto questo è iniziato a metà ottobre, ma è stato ignorato dalla prigione. Hanno ammesso che avevo la polmonite solo in un’udienza del 22 dicembre”, si legge nella lettera. “Sto per sottopormi ad un intervento per ridurre la pressione dell’edema nei polmoni, che mi causa un’estrema mancanza di respiro, al punto da svenire dopo una minima attività, o anche solo parlare per un paio di minuti”.

In risposta alla notizia della morte di Lira, il padre avrebbe scritto: “Non posso accettare il modo in cui mio figlio è morto. È stato torturato, tenuto in isolamento per 8 mesi e 11 giorni e l’ambasciata statunitense non ha fatto nulla per aiutare mio figlio. La responsabilità di questa tragedia è del dittatore Zelensky con il consenso di un presidente americano rimbambito, Joe Biden“.

Fonte: Come don Chisciotte, Imola oggi.



- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -