Sei all'interno di >> :.: Primo Piano | Movimento | Amref Italia |

Disparità salariale di genere

Perché le professioniste della salute guadagnano meno degli uomini?

di Amref Italia - mercoledì 21 febbraio 2024 - 487 letture

Nel giugno 1963, il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy firmò il Equal Pay Act. Questa legge innovativa prescriveva la parità di retribuzione e vietava ai datori di lavoro di pagare alle donne meno degli uomini per lavori comparabili che richiedevano le stesse competenze e responsabilità.

Durante la cerimonia di firma, che segnò una pietra miliare significativa verso la fine della discriminazione salariale basata sul genere, il presidente Kennedy elogiò la legge come "un significativo passo avanti", nonostante, ha aggiunto, molto altro doveva essere fatto per raggiungere la piena parità.

Sessant’anni dopo, le sue parole sono ancora vere.

In paesi a basso e medio-basso reddito come Sierra Leone e Pakistan, ad esempio, le donne vengono pagate tra il 40 e il 45 percento meno dei loro colleghi maschi.

A livello globale, le professioniste della salute guadagnano in media il 24 percento in meno rispetto ai loro colleghi maschi nello stesso ruolo, rappresentando uno dei divari salariali più ampi secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Sebbene siano stati compiuti progressi per ridurre i divari salariali di genere, con paesi come l’Islanda che ha dichiarato illegale pagare agli uomini di più delle donne per lo stesso lavoro, la disparità salariale continua in numerosi settori, incluso quello della salute, compromettendo i progressi su scala globale e mettendo a rischio sia vite che mezzi di sussistenza.

JPEG - 174.4 Kb
Disparità salariale

Quando le donne guadagnano meno degli uomini per un lavoro altrettanto prezioso e qualificato, sono meno propense a entrare nel settore sanitario, investire nella propria istruzione e formazione, o essere in grado di provvedere a se stesse e alle loro famiglie.

Mettete a confronto questi fatti con le stime attuali di una carenza globale di 10 milioni di operatori sanitari entro il 2030.

Il divario retributivo non è solo ingiusto, ma sta mettendo in pericolo la nostra salute, la resilienza della comunità e la crescita economica globale.

Nessuna di queste cose è nuova. Un recente condotta da WomenLift Health in Nord America, Europa, Nigeria, Kenya, Uganda, Ruanda e India, evidenzia la disparità salariale di genere come una delle barriere universali che influenzano la capacità delle donne di avanzare a posizioni di leadership nella sanità.

Eppure, nonostante la carenza di operatori sanitari a causa di retribuzioni ingiuste e di un sovraccarico di lavoro e di condizioni di lavoro scadenti e persino pericolose, c’è poco che si stia facendo per affrontare queste disuguaglianze.

In queste condizioni aumenta il divario nell’accesso, nella qualità e nei risultati delle cure sanitarie, specialmente per le persone che vivono nelle comunità e nei paesi a basso reddito dove la carenza di operatori sanitari è ancora più acuta.

Al ritmo attuale dei progressi, o della mancanza di essi, le donne non raggiungeranno la parità salariale fino al 2069.

Perché la parità di retribuzione per lavoro di pari valore rimane un’illusione per così tante donne sul posto di lavoro?

Perché le donne continuano a guadagnare 77 centesimi di dollaro per ogni dollaro guadagnato da un uomo e anche meno per le donne con figli e le donne afrodiscendenti?

Non rispondere a queste domande e non attuare soluzioni sostenibili è un affronto agli sforzi instancabili delle donne che salvaguardano la salute e il benessere delle comunità di tutto il mondo, spesso facendolo in condizioni pericolose.

Svalutare gli sforzi delle lavoratrici della salute attraverso l’ineguaglianza nella retribuzione non è solo una questione di denaro, è una questione di diritti umani che normalizza la discriminazione sul luogo di lavoro e ci allontana dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Affrontare questa ingiustizia non è solo la cosa giusta da fare, ma rappresenta un’azione strategica che avrà un impatto sull’economia e sulla qualità e accesso ai servizi sanitari per milioni di persone.

Dobbiamo agire con decisione e coraggio per affrontare le cause del divario salariale, mettendo in pratica ciò che diciamo.

I governi, le istituzioni sanitarie e accademiche, il settore privato, le istituzioni multilaterali, le organizzazioni di sviluppo e la società civile devono agire ore.

La prima cosa da fare è garantire trasparenza nei salari e affrontare le forme sottili di discriminazione che penalizzano le lavoratrici per il solo fatto di essere donne.

Investire nello sviluppo professionale delle donne attraverso programmi di coaching e mentorship e implementare politiche sensibili al genere sul luogo di lavoro, ad esempio, aiuterà ad affrontare le barriere che ostacolano l’avanzamento nella carriera delle donne.

Le donne sono il pilastro della salute. Proteggerle dall’ingiustizia continua di una retribuzione ineguale ci avvicinerà alla creazione di un mondo più sano ed equo.

Articolo pubblicato su Africa.com


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -