n. 404 - "Si Pirandellu avissi kampatu ammenzu stu burdellu, manku avissi jutu a pigliàrisi u Nubellu" (24 marzo 2010)

Girodivite n. 404 - "Si Pirandellu avissi kampatu ammenzu stu burdellu, manku avissi jutu a pigliàrisi u Nubellu" (Se Pirandello fosse vissuto nello squallore dei giorni nostri, non avrebbe ritirato il Nobel)

di Redazione - mercoledì 24 marzo 2010 - 2336 letture


- Elezioni regionali in Italia: ci sarà l’Onda Viola?

24 marzo 2010 - Inviato da Thierry Abdon AVI, 0 letture L’onda si è ripetuta alle consultazioni comunali del marzo 2008: la Sinistra conquistò numerose città fra cui Strasburgo, Reims, Amiens, Caen, Périgueux e Tolosa.

- Pestato in caserma, muore in ospedale

24 marzo 2010 - Inviato da Adriano Todaro, 0 letture E’ successo a Varese due anni fa, ma lo apprendiamo solo ora. Ancora una violenza assurda all’interno di una struttura dello Stato. Cittadini senza garanzie e forze dell’ordine che credono di essere al di sopra della legge. Aperto un fascicolo contro "ignoti"

- La strage di via Maqueda a Palermo nell’ottobre 1944

24 marzo 2010 - Inviato da enza, 0 letture Un corteo di gente civile,disarmata, che andava a dialogare con le autorità di allora, a Palazzo Condomiti, sede della Prefettura.

- Tanta paura per la pillola che cancella la paura

24 marzo 2010 - Inviato da davis, 0 letture E che cosa implica esattamente cancellare la nostra memoria? La parte di noi con cui ci riconosciamo. Significa forse distruggere completamente la nostra identità?

- Pratiche pagane dei festeggiamenti di S. Giuseppe a Francofonte

24 marzo 2010 - Inviato da Nello Russo, 0 letture In uno scenario che si presume essere di alta religiosità, soffia invece un lieve vento di paganesimo.

- Gela: la Sanità Oncologica continua a perdere la propria identità

24 marzo 2010 - Inviato da cirignotta, 0 letture Cosa ci vogliono far credere? Forse che le migliaia di decessi innocenti non hanno niente a che vedere con l’industria o con l’inquinamento?

- Strisce blu nei pressi di ospedale e cimitero

24 marzo 2010 - Inviato da giovanni d’agata, 0 letture Come un’onda divoratrice dell’asfalto e delle zone di libero parcheggio si sono progressivamente estese dapprima dai centri urbani e poi sino alle estreme periferie e nei luoghi di maggiore affluenza e sosta delle autovetture.


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -