Sei all'interno di >> :.: Culture | Musica |

Noto: Giufà Festival. Dal 10 al 14 Luglio

La Notte di Giufà è il festival internazionale che dal 1995 la città di Noto, quest’anno nuova formula, con ben 4 giorni di spettacoli
di Tano Rizza - giovedì 5 luglio 2012 - 4042 letture

La Notte di Giufa’ 2012. Giufa’, lo spirito, il sacro

Noto 10-14 luglio 2012

La Notte di Giufà è il festival internazionale che dal 1995 la città di Noto dedica ad un  personaggio ineffabile dalle origini lontane che, col nome di Giufà, appartiene alle  tradizioni popolari siciliane.  Giufà è in realtà una figura planetaria, conosciuta in molti paesi arabi col nome di Ǧuhâ,  tra gli ebrei sefarditi come Giochà, in Turchia e nei Balcani come Nasreddin Hodja, in Iran  e in altri paesi orientali come Mullah Nasrudin ed in altre regioni mediterranee ed asiatiche  con vari nomi.

Lʼidiota, saggio e folle, Giufà e i suoi ’doppi’, con le loro storie umoristiche,  ’filosofiche’ e destrutturanti, apparentano culture anche geograficamente lontane tra di  loro. Se perciò da una parte il nostro eroe crea ponti tra paesi diversi, per la sostanziale  identità tra molte delle storie attribuite ai Gufà del mondo, dallʼaltra il significato che si dà a  queste folktales può variare sensibilmente da una regione allʼaltra del nostro pianeta, dalla  Sicilia alla Cina. In molti paesi, al di là della sua appartenenza al folclore locale, Giufà sa  assumere un carattere più spiccatamente filosofico ed una sottile, profonda ed ironica  saggezza che, come ha osservato Jean Claude Carrière, non manca di provocare, oltre la società ed il potere, anche lʼaldilà.

Il ʻdoppioʼ turco di Giufà, Nasreddin Hodja, grazie alle  sue stramberie umoristiche e al suo pensiero peculiare, gode in effetti dello statuto di  maestro spirituale e filosofo: una fama che dall’Anatolia centrale si è estesa fin oltre i Balcani e l’Asia centrale.  In sintonia con questo carattere del personaggio, il tema principale della Notte di Giufà, questʼanno, sarà Giufà, lo spirito, il sacro. A questo particolare argomento saranno dedicate alcune performance ed un simposio. Il festival come ad ogni edizione, ospiterà musiche dal mondo, incontri, laboratori,  esperienze gastronomiche e momenti di spettacolo.

Programma Martedì 10 luglio

ore 21,00 Cortile Convitto Ragusa Giufà-Nasreddin, la santità dell’assurdo.

Una creazione per La Notte di Giufà con: Alberto Fabio Ambrosio, Gianni Gebbia, Franco  La Cecla. Un antropologo, scrittore ed architetto, Franco la Cecla, un teologo specialista di storia del  sufismo ottomano, Alberto Fabio Ambrosio e un musicista, Gianni Gebbia, percorrono,  affidandosi a racconti, commenti e musiche, la via dello stolto che sa come contattare Dio. La via di Nasreddin Hodja e di Giufà. ingresso libero

ore 22,00 Piazza Municipio

Rita Botto e Banda di Avola in concerto

Insieme per La Notte di Giufà, la cantante siciliana Rita Botto e la Banda di Avola  rielaborano canzoni del repertorio popolare isolano raggiungendo una nuova sintesi,  potente, emozionante e a volte ironica tra due espressioni musicali radicate nella cultura popolare siciliana: il canto femminile e le bande cittadine. ingresso libero

mercoledì 11 luglio

ore 19,00 Anche gli Angeli Sicilian concept store Proiezione video I mille e un Giufà

un progetto didattico del III Istituto Comprensivo ’L. Pirandello’ di Floridia Regia e Coordinamento Sebina Inturri con la partecipazione di Alfio Antico. Cortile del CUMO, via Antonio Sofia 78

ore 20,00 Meditazione con il maestro Tae Hye Sunim

Il maestro Tae Hye Sunim guida una meditazione buddista, aperta a tutti, della durata  complessiva di 85 minuti. Parte della meditazione si farà stando seduti, parte  camminando. Eʼ consigliabile arrivare in orario, vestire abiti comodi e, se possibile, portare con sé un cuscino. A meditazione iniziata non saranno ammessi altri partecipanti.  ore 21,00 Recital del pianista e compositore Kusalananda (Alberto Alcozer), musiche di  J.S. Bach, Scarlatti, Schumann, Alcozer, Mahler, Scriabin, Villa Lobos.

ore 22,00

Gli echi di Giufà narrazioni dagli allievi del laboratorio di didattica dei linguaggi teatrali del  CUMO, Università di Messina, curato da Michele Dell’Utri.

ingresso libero.

ore 23,00 Piazza Municipio

Thoni Sorano Principia live con: Thoni Sorano (voce), Salvo Adorno (tastiere, programmazione), Pejman Tadayon (tar, oud), Franco Barbanera (clarinetto, ney e altri fiati).

La voce ’migrante’ di Thoni Sorano, accompagnata da un eccellente ensemble, propone in Principia live un viaggio sonoro che parte dalla Sicilia, attraversa ambienti musicali che  vanno dalla Turchia al Caucaso e alla Persia per tornare all’Isola arricchito da stili e sonorità di grande fascino. Principia ripropone con nuovi arrangiamenti lʼalbum dʼesordio di  Thoni Sorano. ingresso libero

ore 24,00 Anche gli Angeli Sicilian concept store

Giorgio Rizzo in I monologhi della darboka di e con Giorgio Rizzo, Regia Paola Mandel

Uno sguardo sulle cose della vita e del mondo attraverso il particolare punto di vista di un  percussionista consapevole della propria ossessione percussiva che, partendo dal battito  del cuore, ricostruisce, insieme alla sua amata darboka, un viaggio a tratti serio a tratti profondamente ironico attraverso le vie che i ritmi di questo strumento hanno percorso e i  cambiamenti che hanno avuto adattandosi, nel tempo, a culture musicali differenti.

giovedì 12 luglio

ore 18,30 Anche gli Angeli Sicilian concept store

Presentazione del libro Della realtà di Gianni Vattimo, Ed. Garzanti. Incontro con lʼautore.

ore 20,30 Cortile del Convitto Ragusa

Cantare con la Banda è meglio che cantare con la band. Conversazione con Rita Botto e Sebastiano Bellarte. ingresso libero

ore 21,30 cortile del Convitto Ragusa

In collaborazione con Associazione Musicale Etnea Pocket Poetry Orchestra nenti sutta u suli, nenti subbra (L’Ecclesiaste e altre riscritture di Salvo Basso) con: Biagio Guerrera, voce recitante, regia; Vincenzo Gangi, chitarre; Giovanni Arena, contrabbasso; Marina Borgo, vibrafono e percussioni; Riccardo Gerbino, percussioni; Tecnico del suono, Gaetano Leonardi. nenti sutta u suli nenti subbra è una nuova produzione della Pocket Poetry Orchestra  dedicata al poeta Salvo Basso nel decennale dalla morte. Il reading arriva dopo uno studio sulla musica dei versi di Salvo Basso ed è dedicato a una delle sue grandi passioni:  l’Antico Testamento e in particolare l’Ecclesiaste del quale qo (1999) rappresenta una  straordinaria e personalissima riscrittura, così come il Cantico dei Cantici ha ispirato Canticanticu (1999). Ingresso: 5 euro

22,30 luogo da stabilire

llinx di e con Gianni Gebbia (sassofono) e Vera Mormino (acrobata). Ilinx ( spasmo, trance, smarrimento che annulla la realtà con vertiginosa precipitazione) è  uno spettacolo basato sullʼinterazione tra trance musicale e vertigine acrobatica che  genera una tensione ipnotica tra la forma e la sua dissoluzione in unʼatmosfera dI sospensione temporale.

ore 23,30 Piazza Municipio

Dunia in concerto Incentrando il loro progetto musicale sulla base di un set acustico, i Dounia fondono la  singolare vocalità mediorientale di Faisal Taher con un’inedita miscela di melodie,  armonie, ritmi e suoni provenienti da ogni parte del mondo. ingresso libero

Venerdì 13 Luglio

Anche gli Angeli Sicilian concept store ore 18,30

presentazione del libro Le nuove avventure di Giufà nel Mediterraneo,storie create da bambini in italiano, francese e arabo e cucite in un unico racconto da  Catherin Gendrin. Il libro è nato da un progetto didattico a cui hanno partecipato 4 scuole primarie di Marsiglia, Orano, Catania, Agadir. A Catania il progetto è stato realizzato da: Associazione AIMC sezione di Giarre e Istituto Comprensivo P.A. Coppola.

ore 19,30

Presentazione del libro fotografico di Clara Marchese Ragzen, il Tibet tra isolamento e ’progresso’. Immagini del Tibet negli anni ’80. Cortile dei Gesuiti, ingresso da Piazza Teatro

dalle ore 20,30,

Simposio Giufà, lo spirito, il sacro. Il misticismo occidentale e orientale conosce molte figure di santi-folli, in che misura eccentricità, stati di demenza e un uso destabilizzante dell’umorismo possono essere le  vie più dirette per contattare Dio? La spiritualità e la filosofia di Giufà-Nasreddin ispirano un simposio sulla relazione tra  humor e spiritualità in diverse tradizioni spirituali e filosofie. Partecipano al simposio: Fabio Alberto Ambrosio (teologo, studioso del sufismo turco  ottomano); Antonio Attisani (docente di storia del teatro); Marcella Ciari (insegnante,  esperta di didattica interculturale); Angelo Contarino (psicoterapeuta); Gianni Gebbia (musicista); Riccardo Mondo (psicanalista junghiano, presidente dell’istituto Mediterraneo  di Psicologia Archetipica); Tae Hye Sunim (monaco buddista); Gianni Vattimo (filosofo);  Egisto Volterrani (architetto, scenografo, scrittore e traduttore). Cucine di Giufà a cura di Egisto Volterrani; vini dalle migliori cantine siciliane; musiche dal  vivo da India, Afganistan, Iran, Sicilia e un omaggio a Omar Khayyam a cura di Karim  Alishahi, Marco Miano e Paola Mandel. ingresso: 15 euro incluse degustazioni

sabato 14 luglio

Anche gli Angeli sicilian concept store ore 19,00

La rivoluzione poetica di Francesco Incontro con Antonio Attisani "Francesco concepisce la teatralità come unʼattività filosofica e cognitiva, come gioco e  insegnamento nel quale ciò che conta non sono le forme come risultato, ma unʼazione che  trasforma il corpo-mente di attori e spettatori […] la cultura e il teatro dellʼOccidente non sarebbero quello che sono se Francesco dʼAssisi fosse stato considerato davvero parte  della sua storia" Cortile dei gesuiti, ingresso da Piazza Teatro

dalle ore 21,30

Una festa per Giufà Un incontro di musiche ed altre performance dove non c’è separazione tra artisti e  pubblico, una festa da vivere insieme in lunga una notte per celebrare Giufà tra oriente e  occidente, tra Sicilia, Asia ed Africa, consumando cucina multietnica e bevendo vini  siciliani. Partecipano: Alessio Alba (sarod); Harmoniosi Concenti (Andrea Schiavo,liuto e arciliuto,  Jenniffer Schittino, soprano); Karim Alishahi (tar, setar e canto); Iblomaldestri; Yusuf  Mahmoud (tabla percussioni e canto), Cecilia Pitino (canto), Lucia Sardo (storie ed altri  interventi); Thoni Sorano (canto); Sebastiano BellʼArte (fiati), Tam tam dù Sud (musiche e  danza da Mali, Guinea, Costa dʼAvorio e Burkina Faso).

La festa è in progress, è perciò probabile che vi si aggiungano altri gruppi ed artisti. 

Ingresso 10 euro incluse degustazioni di vini

info: http://www.giufafestival.it/


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -