Immondi

La Germania, l’Aquila e la televisione

di Alberto Giovanni Biuso - lunedì 28 marzo 2011 - 2780 letture

Le Reti televisive pubbliche tedesche ARD e ZDF invitano a pagare il canone utilizzando l’immagine di Berlusconi come esempio negativo del pericolo che si corre e delle gravi conseguenze che si subiscono quando un monopolista privato sovverte ogni norma liberale e distrugge il pluralismo dell’informazione. Lo slogan afferma che «una democrazia è forte quanto lo sono i suoi Media. La Germania ha uno dei panorami televisivi più pluralisti e  di migliore qualità del mondo. Questo rende possibili le nostre scelte, grazie al vostro contributo (canone)». «Non finire come l’Italia di Berlusconi» è un altro slogan della campagna.

Le conferme del livello davvero inaccettabile al quale è arrivato l’utilizzo delle televisioni da parte del Padrone non riguardano soltanto i cosiddetti programmi di informazione -come i telegiornali- ma anche i format di "intrattenimento" che dominano la Rai e Mediaset. Recente e clamoroso il caso di Forum (Canale 5) con una finta terremotata aquilana che magnificava la "ricostruzione" realizzata dal governo e che invece è stata disvelata come una figurante pagata per recitare un copione scritto dagli autori del programma andato in onda sulla Rete ammiraglia di Berlusconi.
 Qui è accaduto qualcosa di radicale: non soltanto la finzione ha sostituito la realtà e la propaganda è stata spacciata per testimonianza ma delle persone che hanno perso tutto, che hanno subìto dei lutti, che hanno visto le proprie abitazioni distrutte, senza presente e senza futuro, nel programma di Mediaset sono state insultate come "pigre, vittimiste, approfittatrici". La natura immonda della televisione italiana e del suo padrone ha bisogno di altre prove?

www.biuso.eu


Rispondere all'articolo - Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -