Sei all'interno di >> Flash |

Persone: Scott Momaday

di Redazione Zerobook - martedì 30 gennaio 2024 - 630 letture

Il gigante iterario e nativo dell’Oklahoma N. Scott Momaday è morto mercoledì 24 gennaio nella sua casa di Santa Fe, nel New Mexico, ha annunciato l’editore HarperCollins. Aveva 89 anni.

Membro della tribù Kiowa dell’Oklahoma, Momaday è stato il primo scrittore nativo americano a vincere il Premio Pulitzer per la narrativa. Ha vinto il prestigioso premio nel 1969 con il suo romanzo "House Made of Dawn", considerato un’opera rivoluzionaria nella letteratura contemporanea dei nativi americani.

"Per tutta la sua vita, N. Scott Momaday è rimasto strettamente legato ai suoi antenati Kiowa e ha cercato di portare un senso di connessione e comprensione tra quel mondo e il mondo dei suoi fratelli bianchi", ha detto il direttore esecutivo dell’Oklahoma Historical Society Trait Thompson in una e-mail a The Oklahoman.

"Usando il suo incredibile dono della narrazione, ha dato vita alle lotte dei nativi in tutto il paese, rese ancora più reali dalle sue esperienze di crescita nelle riserve del New Mexico e dell’Arizona".

Momaday era in cattive condizioni di salute da qualche tempo e a giugno ha saltato una cerimonia all’Oklahoma History Center in suo onore, con una delle sue figlie, Jill Momaday, che ha partecipato al suo posto.

Navarre Scott Momaday è nato il 27 febbraio 1934 al Kiowa Indian Hospital di Lawton, in Oklahoma, da Alfred Momaday, un pittore Kiowa, e Natachee Scott, una scrittrice in parte Cherokee. Un anno dopo, i suoi genitori – che sono diventati educatori e artisti, un percorso che il figlio ha seguito in seguito – hanno trasferito la famiglia in una riserva in Arizona.

Nel 1946, la famiglia si trasferì di nuovo a Jemez Pueblo, New Mexico, a circa 45 miglia a nord di Albuquerque.

Dopo essersi laureato all’Accademia Militare Augustus di Fort Defiance, in Virginia, Momaday frequentò l’Università del New Mexico dal 1952 al 1956. Dopo aver conseguito la laurea in scienze politiche, ha presentato alcune delle sue poesie a un concorso di scrittura creativa sponsorizzato dalla Stanford University. Yvor Winters, professore di lunga data a Stanford e rinomato poeta, si è assicurato una borsa di studio per Momaday, che ha conseguito un master e un dottorato in inglese e ha affinato le sue capacità di scrittore di narrativa, poeta e narratore.

Nel 1967, Momaday pubblicò il primo libro che scrisse, "The Journey of Tai-me", una raccolta di storie, storia e folklore Kiowa, in edizione limitata. Divenne la base del suo libro più ampio, personale e popolare del 1969, "The Way to Rainy Mountain", che raccontava il suo pellegrinaggio alla tomba di sua nonna Kiowa.

Lawrence SpottedBird, presidente della tribù Kiowa con sede a Carnegie, ha detto che la scrittura e il lavoro di Momaday hanno ispirato altri cittadini Kiowa a "scrivere le nostre storie".

"Ha ispirato me, e non solo molti cittadini tribali Kiowa, ma cittadini nativi in tutto il paese", ha detto SpottedBird.

La scrittura di Momaday ha anche avuto un enorme impatto nella più ampia comprensione del popolo, della cultura e della storia Kiowa, ha detto SpottedBird.

Nel 1968, Momaday pubblicò il suo primo romanzo, "House Made of Dawn", un’opera fondamentale che attingeva ancora una volta alla sua eredità nativa e alle sue esperienze personali. Il romanzo è incentrato su un veterano nativo americano di nome Abel che torna nella sua casa rurale del New Mexico dopo aver combattuto nella seconda guerra mondiale e si ritrova intrappolato tra due mondi: la patria e le tradizioni del suo popolo e il fascino dell’America industrializzata.

"Ho imparato a conoscere lui e la sua scrittura quando ero uno studente universitario all’Università del New Mexico, e avevo appena iniziato a scrivere poesie. Era l’inizio (per me). Tutti noi in Indian Country ... lo ammiravamo molto, perché ha attraversato molte barriere per i nativi, punto, e soprattutto nella letteratura nativa", ha detto a The Oklahoman l’ex poeta laureato degli Stati Uniti Joy Harjo, residente a Tulsa.

"Il suo lavoro è stato davvero innovativo. ... Ha spesso affrontato nella sua prosa e nella sua poesia il potere del linguaggio, quanto sia potente e potente il linguaggio nel plasmare le nostre vite".

Il musicista, performer e scrittore Muscogee, che è stato per tre mandati il primo poeta laureato nativo americano degli Stati Uniti, ha definito Momaday "un padre della letteratura nativa contemporanea".

"Il ruolo dei pionieri è quello di aprire la porta in modo che gli altri possano entrare... ed essere ispirati ad affinare e condividere i loro doni con la comunità", ha detto.

"Momaday è stato il primo scrittore nativo che ho visto – e all’epoca ero al college. ... Vincere un premio Pulitzer dice: ’Beh, questa è letteratura di livello mondiale’. Ed è stato scritto da un nativo".

Dopo aver vinto il Premio Pulitzer, Momaday ha pubblicato diverse altre opere, tra cui raccolte di poesie, libri per bambini e opere teatrali, continuando ad attingere alla sua esperienza di vita e all’eredità nativa nei suoi scritti.

"Voglio che l’indiano rimanga un indiano e apprezzi ciò che significa. Viviamo in un’epoca in cui l’identità è fondamentale. Parliamo di una crisi d’identità – e tutti sembrano averla – ma l’indiano in un modo speciale ha avuto una crisi d’identità dal momento del contatto", ha detto Momaday a The Oklahoman in un’intervista del 2012.

"Questo è il vero problema. ’ Come faccio a entrare nel mondo moderno rimanendo me stesso indiano?" Lo si fa identificandosi, definendo se stessi e non lasciandosi definire".

Nel 1976, Momaday ha pubblicato il suo libro di memorie "The Names", che racconta la sua infanzia in Oklahoma e nel sud-ovest, seguito nel 1989 dal suo secondo romanzo, "The Ancient Child", che attinge da un antico mito Kiowa di un ragazzo che si è trasformato in un orso.

Oltre a scrivere, Momaday ha insegnato alla Stanford University, all’Università dell’Arizona, all’Università della California-Berkeley e all’Università della California-Santa Barbara. È stato visiting professor alla Columbia e a Princeton ed è diventato il primo professore a insegnare letteratura americana a Mosca presso l’Università Statale di Mosca in Russia.

È stato anche commentatore della National Public Radio, voce del National Museum of the American Indian della Smithsonian Institution e narratore dei documentari della PBS "Remembered Earth" e "Last Stand at Little Bighorn". Di recente è apparso nella serie di documentari del 2023 di Ken Burns "The American Buffalo".

L’autore Kiowa è stato insignito della National Medal of Arts nel 2007 dal presidente George W. Bush. In quel periodo, Momaday tornò a vivere in Oklahoma per la prima volta dall’infanzia, e il governatore Brad Henry lo nominò Poeta Laureato del Centenario dell’Oklahoma.

Nel corso della sua carriera letteraria, Momaday ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Guggenheim Fellowship (1966), il Geographic Society of Chicago Publication Award (1973) e lo Zimmerman Award (1975).

È stato inserito nella Hall of Fame dell’Oklahoma nel 1987, nominato tesoro culturale dell’Oklahoma nel 1999 e introdotto nella National Native American Hall of Fame nel 2018.


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -