Sei all'interno di >> GiroBlog | Centro Studi Est Europa |

POLAND: L’Europa sempre e comunque...

Nostra intervista a Lech Walesa sull’attuale situazione europea

di Emanuele G. - martedì 31 gennaio 2023 - 3599 letture

Abbiamo già avuto modo di intervistare svariati anni fa Lech Walesa, uno dei protagonisti assoluti della recente storia europea. Poiché la sua è una voce autorevole e visto la situazione di guerra in Europa ci è parso opportuno porgli alcune domande al fine di conoscere la sua posizione.

In Europa spirano venti inquietanti, come reagire?

"Analizzando i tempi in cui siamo venuti a vivere, se comprendiamo questi tempi, ci porteranno ad adeguare il nostro comportamento, in quanto siamo venuti a vivere quando le ere cambiano. Stiamo passando dal pensare come stati, paesi, a organizzazioni più grandi. Quando i nostri bisnonni hanno inventato la bicicletta e altre tecnologie, dovevano essere fatte da stati, paesi di origini diversi; nel frattempo abbiamo inventato varie cose buone e cattive che non rientrano in quell’organizzazione e in questa generazione, quindi abbiamo iniziato ad espandere le strutture, ma ecco il problema, quell’era ha portato a disuguaglianze nello sviluppo, quasi all’autolesionismo: come allargare le strutture in tali condizioni, fare continenti e persino la globalizzazione anche nella pandemia che stiamo attraversando, non può essere affrontata nello stato, dobbiamo affrontare la questione a livello globale. Quando lo capiremo, sapremo come comportarci in queste condizioni, in cui avremmo dovuto vivere."

Per Lei la pace è un punto di partenza o un punto di arrivo?

"Ebbene, ogni epoca ha avuto le sue leggi e anche nell’ultima, dove c’erano già stati/paesi, ci sono state anche guerre per allargare le strutture con la forza. Questa è stata la situazione fino alla fine del XX secolo, quando quasi tutti i paesi più grandi hanno assorbito quelli più deboli. La Polonia, ad esempio, non è stata creata così, qui c’erano le guerre... questa era la situazione fino alla fine del 20° secolo. Il XX secolo ha mostrato chiaramente questo concetto, che ci sono ancora quei grandi paesi come Cina e Russia, che vogliono continuare a crescere allo stesso modo. La Russia, ad esempio, lo vediamo, vorrebbe incorporare l’Ucraina anche con la forza. Questo è un concetto, mentre l’altro concetto è il desiderio dell’UE di allargarsi, attraverso la NATO, attraverso le Nazioni Unite, democraticamente, sulla base della libertà, ci uniamo alle strutture uno con l’altro, è così che ci stiamo espandendo ... e ora la domanda è quale concetto vincerà? quello russo-cinese per forza di paura, o questo nuovo concetto, dei “democraticamente volontari”, chi vuole, si unisce..."

Come si costruisce un’Europa di pace?

"Nel sistema che abbiamo subito, prima della Comunità Europea abbiamo persino sequestrato aerei e siamo fuggiti in occidente, quando abbiamo cambiato il sistema, qualcuno ha dirottato un aereo negli ultimi 30/40 anni? nessuno scappa, ma abbiamo portato a uno sviluppo irregolare, il che significa che dove è peggio, la gente fugge là dove è meglio. Non scappano più in Europa, abbiamo aperto le frontiere e chiunque abbia una buona professione può lavorare dove vuole in qualsiasi paese. Nessuno scappa più, perché abbiamo allineato e adeguato un po’ le condizioni di vita..., quindi agiamo in modo simile a livello globale..., non si può fare in un giorno, ma andiamo in questa direzione, livellando lo sviluppo , quindi non ci saranno più problemi e nessuna migrazione."

Non le sembra che il sogno di un’Europa unita sia un po’ svanito nel corso degli anni?

"Sì, perché in queste condizioni è difficile realizzare ciò di cui stiamo parlando, e perché c’è chi ha più ha paura e chi ne ha di meno, l’assoluta mancanza di raffinatezza politica, tutte le vecchie strutture “stataliste”, tutti i partiti politici, tutti questi vecchi programmi, no, non si adattano ai tempi di oggi. Oggi i partiti di destra hanno più programmi di sinistra e quelli di sinistra quasi sono a destra, e viceversa, i partiti cristiani in Europa... dicono di essere un partito cristiano, e lì non c’è un solo credente..., dobbiamo cominciare per ripulire, migliorare i programmi e le strutture per adattarsi alle condizioni odierne. Abbiamo solo un mondo in quanto tale, con delle regole del traffico, e in questo mondo è come se avessimo tolto i segnali stradali e le regole dalle strade, ecco come appare il mondo oggi. Alla nostra generazione sono stati assegnati dal destino due compiti: distruggere il vecchio ordine, perché non teneva il passo con lo sviluppo, ma distruggerlo per iniziare a costruire un nuovo ordine. Sistemare tutte queste cose: è difficile farlo quando abbiamo un passato come questo. Ecco perché ho detto, l’era delle divisioni di stati/paesi/blocchi è crollata e apparsa, l’era dell’intelletto/informazione/globalizzazione e noi siamo nel mezzo. Uno è caduto, l’altro non è stato ancora creato. Io chiamo questo tempo, l’era delle parole e delle discussioni su come dovrebbe essere questo mondo. Dopo l’era passata, l’era sporca, perché ci siamo ingannati, abbiamo litigato, nessuno crede a nessuno... oggi uno deve convincere l’altro a cominciare a costruire, a ricostruire. Per il momento, scopriamo oggi nell’era della parola, come dovrebbe essere questo mondo. Molti credono che tra noi non saremo d’accordo, che distruggeremo la vita su questo pianeta, per 2000 anni, non ci sarà vita qui, poi ci manderanno Adamo ed Eva e ricominceremo."

C’è un modo per ridare slancio a un’Europa fin troppo rivolta in sé?

"In questa discussione e nella vita, dobbiamo riconoscere che non abbiamo scelta, o distruggeremo la vita, o inizieremo a fare quello che dice il vecchio Walesa."

Avanzano, purtroppo, i sovranismi e i populismi. Cosa ne pensa a proposito?

"Nel momento storico in cui ci troviamo, per il momento prevalgono populisti e demagoghi, perché il vecchio è caduto e il nuovo non è stato creato... cosa possono dimostrare i politici?... cercano alcune vecchie soluzioni, perché non ci sono nuove soluzioni in discussione o che avanzano. Quindi quello che sta accadendo oggi è proprio la regolarità in cui ci troviamo, uno è caduto, l’altro non si è creato, grazie al fatto che ci sono populisti e demagoghi, le persone più sagge e responsabili sono costrette, in un certo senso, a cercare soluzioni per fermare questo populismo e questa demagogia. O ce la faremo e ci sveglieremo pensando saggiamente, o lasceremo che i populisti diano fuoco all’Europa e al mondo."

In che modo l’esperienza di Solidarnosc potrebbe essere utile oggi…

"Dobbiamo capire cos’era Solidarnosc e perché era così. Ebbene, a quel tempo avevamo dei comuni denominatori, il comunismo e l’Unione Sovietica. Alcuni amavano l’Unione Sovietica, altri no, ma era comunque un comune denominatore. Certo, nei numeri, ogni paese, ogni persona aveva interessi diversi, ma c’era un comune denominatore, qualcosa che li univa. Quando abbiamo distrutto il comunismo e l’Unione Sovietica, abbiamo perso il denominatore comune, ci sono rimasti numeri con interessi diversi, quindi è impossibile avere quel tipo di certezza perché non abbiamo un denominatore comune. Forse si creerà un nuovo comune denominatore, Ucraina-Russia, forse su questa base si creerà un comune denominatore e poi nuovo Solidarnosc sarà possibile!! Per ora è impossibile, perché non abbiamo un comune denominatore."

C’è bisogno di una Solidarnosc europea?

"Ce n’è davvero bisogno, ma ripeto, troviamo un comune denominatore che permetta di far emergere la Solidarietà."

Cosa la spinge ogni giorno a combattere per i valori cristiani e di libertà?

"Sono un cattolico credente che prende la fede sul serio, anche se molto peccaminoso, forse il più peccaminoso, ma prende la fede sul serio. La fede mi spinge all’azione, perché non voglio andare all’inferno, perché all’inferno funziona cosi che più grande è il bullo, più alta è la sua posizione, quindi ci sono Stalin e Lenin in una posizione molto alta di leader, e io sarei un piccolo caporale e mi opprimerebbero, io che ho distrutto il loro comunismo, quindi la mia fede mi dice: “mettiti al lavoro, perché andrai all’inferno e lì Stalin e Lenin ti sta aspettando”."

Dopo tanti anni ha un sogno che non si è ancora realizzato?

"Il destino mi ha dato la forza e la fortuna di abbattere il vecchio ordine e l’ho fatto molto bene, ma lo stavo abbattendo per costruire un nuovo ordine, e qui sta il problema, perché alla sua costruzione devono partecipare altre persone più preparate e istruite. Questo dovrebbe essere fatto dalle giovani generazioni, libere dal passato, cioè guerre, rivoluzioni, scioperi, agenti comunisti. Ne siamo ancora gravati, continuiamo a guardare indietro, quindi adesso non costruiremo questo nuovo ordine. Dobbiamo consentire ai giovani istruiti di essere preparati e solo aiutarli. Mi sono assegnato questo ruolo, sosterrò e lo dirò come la vedo io."

Per leggere la nostra precedente intervista si prega di cliccare QUI

Sito Fondazione Lech Walesa


- Ci sono 0 contributi al forum. - Policy sui Forum -
Versione per la stampa Versione per la stampa
Ricerca
Inserisci la parole da cercare e premi invio

:.: Articoli di questo autore
:.: Articoli di questa rubrica