Qualcosa da non credere


Un’ipotesi degna di Stargate per gli incendi di Canneto di Caronia, fornita dalla Task Force del Dipartimento Regionale della Protezione Civile Siciliana.


di Giuseppe Marziano pubblicato il 31 ottobre 2007

Avevamo quasi dimenticato la storia di quel piccolo paese della Sicilia dove nel 2004 si ebbero inspiegabili fenomeni di combustione di qualsiasi cosa fosse collegata alla rete elettrica e non solo. Scienziati di tutto il mondo cercarono una soluzione, persino su internet, per vedere se il fenomeno si fosse ripetuto in qualche altra parte del globo. Fioccarono decine di spiegazioni scientifiche, nessuna della quali esaustiva del fenomeno. Nessuna spiegazione fu valida, nemmeno quella che prendeva in considerazione lo zampino del maligno, che benché signore del male, non si sa se sia in grado di smuovere i campi elettromagnetici.

L’allora Capo Dipartimento della Protezione Civile Siciliana, dopo essersi consultato con i tecnici del CNR, aveva parlato di attività dovute allo sfregamento di geomasse, ad una forma particolare che assume il nucleo terrestre in riferimento all’elettromagnetismo, ma anche queste non calzavano appieno. Intanto alcuni fenomeni continuavano, si tira in ballo un incidente avvenuto all’elicottero della protezione civile, strane bruciature sul terreno.

Tutti fenomeni non spiegabili da nessun scienziato al mondo. Ed allora… Nel 2005 il governo non contento delle spiegazioni formò una task force capitanata da Francesco Mantegna Venerando, un architetto consulente della Protezione Civile della Regione Siciliana. Nella task force tipologie differenti di esperti, addirittura, come riportato un tecnico della NASA.

La task force ha lavorato per due anni analizzando i roghi spontanei, ed infine ha redatto una relazione dove non mancano elementi di sorpresa. Secondo questa relazione, la causa sono "test militari segreti o esperimenti alieni". Si legge "Tecnologie militari evolute anche di origine non terrestre potrebbero esporre in futuro intere popolazioni a conseguenze indesiderate.

Gli incidenti di Canneto di Caronia potrebbero essere stati tentativi di ingaggio militare tra forze non convenzionali oppure un test non aggressivo mirato allo studio dei comportamenti e delle azioni in un indeterminato campione territoriale scarsamente antropizzato". Sembra uno scenario di fantascienza, qualcosa da non credere.

Nelle pagine del dossier il Coordinatore della Protezione Civile Siciliana, spiega che i fenomeni sono stati causati da fenomeni elettromagnetici di altissima frequenza, e che non sono possibili sviluppare con le tecnologie attuali, o per lo meno senza grandi difficoltà. Esiste attualmente una rete di monitoraggio che non ha però rilevato nulla e che potrà essere spenta.

Insomma come si dice quando la volpe non arriva al mangiare dice che è rancido, dopo due anni di studi l’ipotesi formulata è fantascientifica, degna di STARGATE, fenomeni inspiegabili dovuti addirittura alla messa in funzione di armi segrete in dotazione all’esercito, o peggio, esperimenti psicologici messi a punto da alieni, che cercano di studiare il comportamento di noi umili e sottosviluppati terrestri.

La protezione civile siciliana, dopo il problema incendi con quelli di questa estate, con il personale messo in ferie d’ufficio, sputtanati dal Corriere della Sera e dalle Iene, oggi tornano in campo con materiale da scoop per tutte le testate giornalistiche.

A.A.A. Cercasi personale da destinare alla Protezione Civile della Regione Sicilia, competente in Ufologia, Esoterismo, Magia Occulta, Cartomanzia, Fenomeni Paranormali. No perditempo.

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo