Documenti: L’Italia ha voltato pagina (L’Unità)


L’articolo di prima di unita.it


di Redazione pubblicato il 11 aprile 2006

L’Italia ha voltato pagina. Camera, vittoria. Senato, pari di red

È stato solo alle due e mezzo di note che la lunga, lunghissima giornata elettorale è finita e Prodi è potuto salire sul palco di piazza Santi Apostoli a Roma sventolando la bandiera italiana per salutare la vittoria dell’Unione: 340 seggi alla Camera contro 277 della casa delle Libertà e un pareggio al Senato, con 155 seggi assegnati agli azzurri e 154 all’Unione. Ma la differenza potranno farla probabilmente i voti degli italiani all’estero, uno scrutinio che va al rallentatore ma che, alle sei di mattina quando erano state scrutinate 329 sezioni sulle circa novecento, assegnava al centrosinistra oltre il 55% dei voti e che potrebbe far avere allo schieramento dell’Unione quattro dei sei senatori eletti all’estero.

La Casa delle libertà grida ai brogli: mezzo milione di schede annullate grida Bonaiuti. E Il ministro Scajola dice addirittura che è incostituzionale che l’Unione festeggi la vittoria. Schifani e altri chiedono adesso la riconta delle schede. «Perdere fa male e rende ancora più inutile chiedere per l’ennesima volta il rispetto delle regole anche nel conteggio dei voti. La CdL, dopo aver svolto una campagna elettorale al limite della decenza e nella piena violazione della par condicio, questa volta non vuole nemmeno ammettere l’esito elettorale e il voto democratico di milioni di italiani» dice una nota dell’Ulivo che chiude questa giornata bella e difficile.

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo