EMERGENCY: Sisma in Centro Italia


Così abbiamo coltivato un progetto di consapevolezza e resilienza


di Redazione pubblicato il 3 novembre 2021

La ricostruzione nelle zone di Marche e Abruzzo, colpite a fine ottobre 2016 dalla violenza del terremoto, procede con difficoltà. “Con il nostro Ambulatorio mobile, da 4 anni percorriamo le strade che portano ai piccoli centri abitati e ai paesini di montagna, per offrire assistenza psicoterapeutica e infermieristica a chi si aggrappa alla speranza che un giorno la vita torni com’era prima del sisma” racconta Giovanna, psicoterapeuta e Referente del nostro Progetto Sisma nel cratere maceratese.

In questi luoghi è impossibile non percepire il senso di isolamento e di abbandono, che il Covid ha reso ancora più evidente. Abbiamo voluto dare una risposta con lo stesso spirito di perseveranza e determinazione di chi appartiene a queste terre.

Sul nostro Ambulatorio sono salite generazioni diverse, ciascuna con le sue paure, ricordi, sogni e speranze. Abbiamo offerto più di 13.000 prestazioni, tra colloqui di psicoterapia e assistenza infermieristica.

Abbiamo aiutato giovani, famiglie, anziani a raccogliere le proprie macerie interiori e a ricostruire i pezzi della propria identità, sgretolata con il crollo improvviso di case e attività.

Ascolto, fiducia e prossimità: così abbiamo coltivato un progetto di consapevolezza e resilienza, proteggendo il diritto alla salute fisica e mentale di chi non si arrende e continua a resistere.

PIANO SISMA

Assistenza psicologica e infermieristica per la popolazione colpita dal terremoto in Centro Italia

Dall’estate 2016 il Centro Italia è stato colpito da ripetute scosse di terremoto e nei mesi successivi le condizioni climatiche hanno ulteriormente danneggiato un’area già messa in grave difficoltà dal sisma, rendendo la quotidianità della popolazione molto difficile – non solo nelle località montane. E anche negli ultimi mesi si sono registrate numerose scosse.

Abbiamo cominciato a intervenire nel Lazio in seguito al sisma che ha colpito Amatrice nell’estate del 2016 con un ‘analisi dei bisogni del territorio e un supporto logistico e infermieristico. In seguito alle richieste delle istituzioni locali, a partire da febbraio 2017 abbiamo attivato, in collaborazione con la ASL Teramo – distretto di Montorio al Vomano – Teramo, un servizio di assistenza psicologica e infermieristica in alcuni territori del teramano gravemente colpiti dal disastro naturale tra cui: Castelli, Nerito e Montorio al Vomano. A causa delle continue scosse e delle nevicate eccezionali durante l’inverno, infatti, la popolazione rimasta nei territori colpiti vive in uno stato di costante preoccupazione e fragilità psicologica.

Il nostro team – composto da uno psicologo-psicoterapeuta, un infermiere e un logista – fornisce assistenza gratuita in un territorio in cui i bisogni sono molteplici e i servizi di assistenza sanitaria sono in difficoltà.

A inizio marzo 2018, un secondo team composto da infermiere e psico-terapeuta ha iniziato a lavorare in provincia di Macerata, a Camerino, Muccia, Pieve Torina e Visso, in collaborazione con ASUR Marche – Area Vasta 3.

Il Minivan e l’unità mobile

Per garantire a più persone possibile l’accesso ai nostri servizi, l’intervento in Centro Italia prevede l’utilizzo di un Minivan e di un’unità mobile, per raggiungere in maniera più agevole anche aree isolate.

Il Minivan è collocato nel piazzale del Distretto Sanitario di Base di Montorio al Vomano mentre l’unità mobile è operativa nelle aree più vulnerabili delle Marche. Nella zona di Camerino lavoriamo principalmente all’interno di strutture messe a disposizioni dalle autorità locali.

Il Ludovan

Nel corso dell’estate 2018, in coincidenza con la chiusura delle scuole, il Ludovan – un camper allestito ad hoc – ha iniziato a lavorare nelle province di Teramo e Macerata per proporre attività ludiche ai bambini e attività ricreative e motorie per gli adulti.

Scopo del Ludovan è cercare di sostenere le persone che si trovano, ormai da tanto tempo, in luoghi difficili e in cui relazioni, autonomie e quotidianità sono state stravolte e destabilizzate dal terremoto, offrendo momenti di svago, aggregazione e ascolto.

Il progetto Ludovan è stato realizzato grazie alla collaborazione con diverse associazioni e sostenitori: Campotosto e frazioni Onlus, Campovalano viva, Clown Brucaliffo, Comitato per la valorizzazione del quartiere di Montagnano (Camerino), Cooperativa sociale 3M, Giampiero Catalini, Kamo e Milla, La Valigia delle Meraviglie, Magicabula Onlus, Nati per leggere, Pro Loco Castelli, Pro Loco Nerito di Crognaleto, Pro Loco Azzinano di Tossicia, Raffaella Baratta, RiScossa di Colledara, Sportfund.

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo