Q&P n. 162 - La Q2, un non partito. Quello che la stampa e le tv italiane non dicono.



di Franco Novembrini pubblicato il 1 settembre 2021

Come nelle peggiori previsioni questa settimana hanno scritto di una possibile e temporanea rielezione di Mattarella a presidente della Repubblica. a scriverlo sono Antonio Padellaro, vicedirettore del Fatto Quotidiano e Umberto Ambrosoli , figlio dell’avv. Giorgio Ambrosoli ucciso da un sicario giunto a Milano dagli Usa per conto di Michele Sindona, finanziere molto amico di Giulio Andreotti. Umberto Ambrosoli era stato eletto alla Camera nelle liste del Pd e nel 2013 subì pressioni da pare di questo partito, schierato contro una possibile elezione di Stefano Rodotà, che parte della sinistra e il MoVimento 5stelle volevano al Quirinale. Questo quando ancora Re Giorgio 2 mandati giurava e spergiurava che mai avrebbe accettato un secondo incarico. Sappiamo come andò e sappiamo anche che i danni creati da questa sciagurata scelta sono oggi visibilissimi. Ora si pensa di riprovare con le stesse modalità. La scelta fu fatta prima creando un clima di emergenza al quale bisognava opporre al rivoluzionario Rodotà un più "inclusivo’’ Napolitano per fermare i barbari pentastellati.

Al governo e al comando del Pd fu chiamato i genio di Rignano e la sinistra fu divisa e distrutta a tutto vantaggio di una arrembante e velenosa destra. I lavoratori hanno subito un arretramento storico dal quale non si sono ancora rialzati, il resto lo sapete. Quello che forse non ignorate, ma il mio è solo un fondato sospetto è che dietro queste manovre ci sia la Q2, cioè un partito non partito, un rassemblement, di burocrati, masoni,deputati, senatori e dei loro portaborse ma anche di persone senza tessere con interessi tipo, che tutto cambi per restare tutto uguale, citazione a memoria dal "Gattopardo’’. Ma niente rimarrà come prima e lo si vede con la caduta in verticale dell’onestà e del senso del dovere e la corsa famelica a divorare i resti della paccata di miliardi che la UE ha dovuto concedere a Giuseppe Conte, dopo una durissima trattativa ed ora che la Q2 è riuscito a scalzarlo lo teme come fece con Stefano Rodotà. Meglio, molto meglio per la Q2 tenersi ancora per due o tre anni il grigio Mattarella che ogni tanto scopre l’acqua calda, che sarebbe meglio vaccinarsi.

La novità e che Napolitano monitava, mentre Mattarella in resta taciturno sul risultato della ventennale occupazione dell’Afghanistan e delle spesso propagandata esportazione della democrazia in quel paese che ci era riconoscente anche per le armi e l’addestramento di primordine fornito al suo esercito da parte dei nostri militari. Come erano addestrati lo si è visto sono ora le armi e gli uomini così bene addestrati? Forse nella ritirata strategica fulminea. Avrete visto le foto dei militari Usa e degli altri occupanti? Provate a confrontarli con quelle ei talebani senza elmetto senza scarpe e senza visori notturni. Non ho simpatie talebane e per tutti quei governi che si ispirano ad un dio e nel cui nome possono commettere agni atrocità, ma ovviamente difendo chi cerca di liberarsi dai portatori di civiltà con la forza delle armi. Se poi nel sottosuolo del paese liberato ci sono, oro, petrolio, litio, gas e il paese si trova in una posizione strategica la mia fiducia in Colin Powell, Condoleeza Rice e Dick Cheney qualche dubbio mi viene.

ORI OLIMPICi - Abbiamo vinto, e ne sono contento, i 100 metri piani e la staffetta 4x100 ma credo che non ne vinceremo altre per decenni perché gli americani hanno intenzione di aggiungere allo sparo della partenza un avviso minaccioso: "Arrivano i talebani!’’ e credo che con questo non li batteremo mai più.

INTERPRETI E DATTILOGRAFI - Nella massa di disperati che da giorni assedia l’aeroporto di Kabul gli ex occupanti sono preoccupati solo di salvare i dattilografi o dattilografe e gli interpreti. Al momento ci sono dieci vittime per vari motivi non per colpa dei talebani. Capisco che in Afghanistan si parlino molte lingue e che si abbia bisogno di interpreti ma pare che siano in numero eccessivo. Magari in quel numero ci potrebbero essere dei collaborazionisti, delle spie e perché no dei corrotti, visto che i governi di questi ultimi venti anni in Afghanistan sono passati alla storia come fra i più corrotti al mondo. La stampa e le tv italiane non fanno cenno per esempio al giro di prostituzione, anche minorile che è stata portata dai civilizzatori occidentali, come del resto sempre accaduto da parte degli eserciti fra i quali spiccano gli Usa che la praticarono in Italia (Napoli e Tombolo basi americane), a Verona e dintorni dove alcuni marines sono accusati di stupro ma non condannabili nel nostro paese per la ragione che può farlo la giustizia americana. Vi ricordate quello che è successo nel Vietnam, in Somalia. In Afghanistan no? Basta crederci. magari fra qualche anno in un film americano sapremo la verità. Ricordo che anni fa anche la Croce Rossa svizzera fu coinvolta in un giro di prostituzione di bambine, fra l’altro gli stupratori non le hanno nemmeno sposate come fanno i barbari talebani. Che mondo di merda!

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo