GUERINI SU AFGHANISTAN, EMERGENCY: “IL FRUTTO DI 20 ANNI DI GUERRA SONO ALMENO 241.000 VITTIME”



di Redazione pubblicato il 24 giugno 2021

“Venti anni dopo l’invasione internazionale, quello che vediamo dai nostri ospedali e ambulatori di primo soccorso è un Paese sconvolto dalla guerra, in cui si stima che, secondo i dati più recenti del progetto Costs of War della Brown University, circa 241 mila persone siano rimaste uccise, mentre altre centinaia di migliaia, per lo più civili, sono morte a causa della fame, delle malattie e delle ferite causate dalle devastanti violenze.”

Così Marco Puntin, Programme coordinator di EMERGENCY in Afghanistan, a commento delle dichiarazioni del ministro della Difesa Lorenzo Guerini rilasciate nel corso dell’informativa in aula al Senato sulla conclusione della missione in Afghanistan.

Solo nell’ultimo decennio, la Missione di assistenza delle Nazioni Unite (Unama) ha registrato almeno 7.792 bambini uccisi e 18.662 feriti, di cui buona parte ha perso gli arti a causa di ordigni esplosivi e attacchi aerei.

“Con questi numeri e i combattimenti quotidiani in corso in ben 26 province del Paese è difficile parlare di ricostruzione del tessuto democratico e istituzionale, - prosegue Puntin. - Anche le donne, i cui diritti civili sono stati spesso sbandierati come una delle ragioni dell’invasione, hanno pagato un prezzo pesantissimo, con oltre 3.000 morti e 7.000 feriti dal 2010, e con un bilancio particolarmente pesante nel 2020 di 390 decessi registrati.”

Il trend delle violenze non sembra destinato a declinare: nei primi quattro mesi del 2021 si è registrato un aumento del 29 per cento di vittime civili, se comparato con lo stesso periodo dello scorso anno. Le vittime sono ancora provocate principalmente da scontri in campo aperto, esplosioni di ordigni artigianali e omicidi mirati.

“Oltre ai continui combattimenti, la popolazione afgana si confronta oggi con un sistema sanitario incapace di fronteggiare la terza ondata di Covid-19 che sta stravolgendo il Paese: i Covid hospital non hanno più posti letto, non esistono vere terapie intensive, c’è una enorme difficoltà a reperire ossigeno e solo una minima parte della popolazione è stata finora vaccinata,” aggiunge Puntin. Secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, nell’ultimo mese i positivi sono aumentati infatti del 2.400 per cento.

Infine, milioni di afgani hanno preferito abbandonare la propria casa piuttosto che rassegnarsi a una vita di paura e stenti: secondo l’Alto Commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite, al momento sono infatti 2,5 milioni gli afgani che hanno cercato protezione e rifugio all’estero, mentre altri 4,8 milioni vivono da sfollati all’interno dei confini.

“Con un simile bilancio, ci sembra davvero difficile poter parlare di State building, sviluppo economico e servizi sociali a favore della popolazione,” conclude Puntin.

EMERGENCY è presente in Afghanistan dal 1999 con due Centri chirurgici per vittime di guerra nelle località di Kabul e Lashkar-gah, un Centro chirurgico e pediatrico e un Centro di maternità ad Anabah, nella Valle del Panshir, e una rete di 44 Posti di primo soccorso. Nel corso del 2021, i suoi ospedali hanno già ricoverato 1853 pazienti vittime di guerra. Si tratta di un aumento del 202% ai primi quasi mesi del 2011, quando la guerra era in corso da 10 anni.

Ritorna al formato normale

Stampa l'articolo